Coronavirus, per la ricerca tamponi anche sugli animali: Trecate e Galliate i capofila

Avere a disposizione un numero elevato di campioni in modo da fornire dati che siano scientifici e evitare allarmismi e psicosi. E’ questo l’obiettivo del progetto “SARS-Cov-2, RNA virale, anticorpi, cani, gatti” avviato dai Comuni di Galliate e Trecate con la Provincia, l’ambulatorio veterinario Salusvet, l’Ambulanza veterinaria, l’associazione locale Amici dei gatti e l’università degli studi di Bari.

 

 

Anche i campioni biologici di cani e gatti di proprietà di soggetti risultati positivi al tampone sono utili per ricercare anticorpi Rna virale e del Sars-Cov-2 e quindi utili alla ricerca. Al momento questo tipo di servizio è eseguito a tappeto con test sierologici in Lombardia, in Piemonte Trecate e Galliate sono i primi del territorio e anche fra i primi in Italia a lanciare qualcosa del genere.

Il servizio, assolutamente gratuito, è già attivo e l’Ambulanza veterinaria ha già effettuato un primo tampone su un gatto. Il progetto è applicato con la stretta collaborazione dei Comuni per non incorrere nel problema della privacy: i sindaci, che conoscono i nomi dei pazienti colpiti da Coronavirus, chiederanno loro l’eventuale presenza di un animale in casa e quindi la possibilità di poter effettuare un tampone. Solo con il consenso della persona coinvolta l’Ambulanza si presenterà a casa della persona e effettuerà il tutto a domicilio sul mezzo utilizzato appositamente e continuamente sanificato. Il progetto è offerto a tutta la provincia e si può richiedere direttamente, contattando l’Ambulanza veterinaria Novara al 348.5625578.

I responsabili del progetto sono i dottori Raffaello Bolzoni, Vanessa Cantarini e Davide Pozzi, a collaborare oltre a Cristina Gioria dell’Ambulanza anche Daniela Monfroglio.

«Come sentiamo spesso, ed è la verità, siamo di fronte a un Coronavirus nuovo, che dobbiamo poco per volta studiare, – ha detto il dottore Bolzoni durante la conferenza stampa di oggi, venerdì 24 aprile – i punti oscuri sono tanti, sappiamo di trasmissione uomo/animale per due cani e due gatti a Hong Kong e in Belgio e una tigre allo zoo del Bronx. Con questa raccolta di campioni vogliamo capire se gli animali rappresentano il “cul de sac”, ossia se l’infezione si ferma o se può tornare all’uomo. E in questo secondo caso in che modo, perché magari potrebbe contagiare l’uomo in una forma talmente lieve da essere anzi utile per la formazione di anticorpi e quindi dell’immunità. E’ bene articolare una serie di studi per poter arrivare a qualche di scientifico. Per esempio, – ha continuato – ci siamo resi conto che diversi gatti in questo periodo hanno sofferto di peritonite infettiva, non sappiamo se ci sia un collegamento, non sappiamo ancora nulla, ma è un dato curioso e da analizzare».

Agli animali verrà effettuato un tampone orofaringeo e laddove possibile verrà prelevato anche del sangue. Il materiale è arrivato dalla I-Vet di Brescia che ha dato il via al progetto. «Cercheremo ovviamente di dare meno fastidio possibile all’animale, – ha aggiunto Gioria – è qualcosa che dura davvero poco, come succede per il tampone su noi persone».

Per ora allarmismi e psicosi sono davvero basse, ma «E’ bene poter prevenire, – hanno detto Di Caprio e Binatti – in due mesi si è fatto tantissimo e siamo forse ancora nella fase embrionale degli studi, ma più analisi vengono fatte e più possiamo essere pronti e questo progetto dedicato agli animali ne è un esempio. Ben vengano tutte queste iniziative che possono aiutare la ricerca».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni