A Galliate un murales per dire grazie ai medici di base

Basta alzare un pochino la testa verso l’alto, sulla parete del Comune dove c’è l’ufficio della polizia locale, in piazza Veneto, per vedere la novità: un murales abbellisce la città. Un murales che porta con sé un messaggio ben preciso: dire grazie ai medici di base. L’opera d’arte, realizzata dal galliatese Alessandro Badalone è stata collocata in piazza nella mattina di oggi, lunedì 1 giugno, alla presenza del primo cittadino Claudiano Di Caprio, dell’artista e di Giuliana Bernardelli e Roberto Bianchi, due medici di base  a rappresentanza di tutti i medici galliatesi.

«L’idea è nata alcune settimane fa, ringraziamo spesso ospedali, volontari, ma non dobbiamo dimenticarci dei nostri medici di base, che hanno fatto e stanno facendo ancora un lavoro meraviglioso, – dice il primo cittadino – ecco allora l’idea di coinvolgere Alessandro». Il murales è un regalo della comunità ai medici, realizzato in modo completamente gratuito, sia per manodopera, sia per materiali e affissione.

Nel murales si vede un bambino che sembra si stia dondolando su un’altalena fatta di arcobaleno e quei colori sono riflessi anche negli occhi, un bellissimo messaggio di speranza. E  un messaggio che testimonia ancora di più la rete che si è creata sul territorio per gestire al meglio l’intera emergenza.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni