Regione, Pd: «Approviamo un bilancio che affronti la crisi del Piemonte»

Regione, Pd: «Approviamo un bilancio che affronti la crisi del Piemonte». L’appello gruppo consigliare regionale alla maggioranza. «Abbiamo la necessità di rivedere il documento alla luce degli eventi di questi giorni per dare una risposta insieme al governo».

«Se è giusto che il governo, in questa situazione di grave emergenza, intervenga, richiesta che sosterremo, è doveroso che la Regione faccia la sua parte, a partire dall’approvazione in tempi rapidi di un bilancio che affronti nel modo corretto la crisi che sta interessando il Piemonte». Una richiesta che questa mattina, durante la seduta della prima commissione, il gruppo consigliare del Partito Democratico ha avanzato all’assessore al Bilancio: «Chiediamo di accogliere alcuni emendamenti cruciali per dare risposte alla crisi che il Piemonte sta vivendo come del resto tutta l’Itali e che intervengono a favore di settori economici duramente colpiti dalle ripercussioni connesse all’emergenza epidemiologica da coronavirus e a sostegno dei cittadini più deboli. Abbiamo la necessità di rivedere il bilancio alla luce degli eventi di questi giorni per dare una risposta insieme al Governo. Discutiamo in modo serrato su questi temi e approviamo il Bilancio in un giorno».

 

[the_ad id=”62649″]

 

«Entrando nel dettaglio delle proposte – hanno proseguito il presidente Domenico Ravetti e vicepresidente del gruppo Pd, Raffaele Gallo – chiediamo che le risorse stanziate per l’esonero dal bollo auto (quantificate in circa 8 milioni di euro) vengano destinate alla riduzione, solo per il 2020 in via straordinaria, del pagamento dell’IRAP per le imprese che, a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, hanno subito o subiranno contraccolpi. Pensiamo, inoltre, che sia importante trasferire 15 milioni di euro per la promozione e il sostegno del settore turistico piemontese, gravemente colpito da annullamenti e cancellazioni. Rimane fondamentale anche il tema della protezione sociale sul quale il nostro Gruppo chiede risorse aggiuntive: occorre continuare a finanziare gli assegni di cura, sostenendo le persone in difficoltà».

«Il bilancio che la giunta aveva predisposto – concludono – era il frutto di un periodo nel quale il Piemonte non si trovava ad affrontare l’emergenza sanitaria. Adesso occorrono misure diverse e tempestive che consentano alla Regione di affrontare l’emergenza e di rilanciare l’economia. Sentiamo la responsabilità del momento e pensiamo che le nostre proposte possano fornire una prima risposta alle richieste dei settori produttivi e dei cittadini. I Comuni stanno intervenendo con atti concreti, la Regione faccia altrettanto».

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *