Regione, Fratelli d’Italia si riprende il posto di Rosso

Regione, Fratelli d’Italia si riprende il posto di Rosso. Nella giornata di ieri il governatore Alberto Cirio ha affidato l’incarico di assessore a Maurizio Marrone, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio con deleghe a Rapporti con il Consiglio regionale, Delegificazione e semplificazione dei percorsi amministrativi, Affari legali e Contenzioso, Emigrazione, Cooperazione internazionale e Post olimpico.

Un posto che era stato lasciato vacante da Roberto Rosso, esponente di Fratelli d’Italia, dopo l’arresto alla fine del 2019 con l’accusa di voto di scambio politico mafioso.

In questo modo Fdl avrà di nuovo il suo secondo esponente in giunta ad affiancare Elena Chiorino titolare delle deleghe a Lavoro, Istruzione, Formazione e Università.

 

 

«Il mio primo pensiero nell’accogliere questo incarico di responsabilità va ai tanti, troppi cittadini, che stanno vivendo la profonda difficoltà di questa emergenza e meritano risposte concrete dalle Istituzioni – sottolinea l’assessore Marrone -. Metteremo in campo misure concrete contro ogni forma di inutile burocrazia, per la ripartenza economica del nostro Piemonte, che vogliamo diventi un esempio virtuoso di semplificazione dei procedimenti amministrativi per tutte le aziende intenzionate ad investire sul territorio: lo dobbiamo agli imprenditori che resistono coraggiosamente, ma anche a tutti quei cittadini, a partire dai meno garantiti, che rischiano di essere lasciati indietro in questa crisi sociale. Presterò, infine, tutta l’attenzione necessaria a rinsaldare i rapporti tra giunta e consiglio regionale, comprese le minoranze che dimostrano senso di responsabilità e meritano il giusto coinvolgimento nelle decisioni dell’ente. Darò il massimo per meritare la fiducia che il presidente Cirio ha voluto riporre in me, insieme ai vertici del mio partito».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL