Provincia, Crivelli lascia, ma il suo potrebbe essere solo un arrivederci

Il consigliere delegato all'Istruzione e all'Edilizia scolastica dell'amministrazione di Palazzo Natta, candidato alle prossime elezioni nel capoluogo nella lista “Forza Novara”, ha lasciato il suo incarico: «Conto di riprendere dopo le elezioni provinciali. Non mancherà il mio supporto esterno»

Fra i punti all’ordine del giorno del prossimo consiglio provinciale, convocato per lunedì 6 settembre in videoconferenza, vi è la surroga di Andrea Crivelli, consigliere di maggioranza titolare tra l’altro di deleghe con un peso specifico piuttosto rilevante per l’amministrazione di Palazzo Natta come l’Istruzione e l’Edilizia scolastica.
Crivelli, come si sa da tempo, è candidato alle prossime elezioni nel capoluogo nella lista “Forza Novara” e la cosa ha comportato in prima battuta le sue dimissioni dal Consiglio comunale di Trecate e di conseguenza anche la “decadenza” dal seggio che occupava a Provincia. Al suo posto gli subentrerà per un paio di mesi l’esponente leghista Gaetano Picozzi, consigliere comunale a Novara. Un paio di mesi, abbiamo detto, perché prima della fine dell’anno è previsto il rinnovo dell’assemblea di Palazzo Natta attraverso le elezioni di secondo livello al quale prenderanno parte unicamente gli amministratori locali degli 87 Comuni novaresi.


«Ho dovuto dimettermi dal Comune di Trecate per accedere la candidatura a Novara – ha spiegato – e questo ha comportato la cessazione del mio incarico in Provincia, che conto di proseguire fra pochi mesi dopo le elezioni provinciali. In questo periodo non cesserà comunque il mio supporto, seppure da “esterno”, su tutte le attività che riguardano le nostre scuole e le persone che quotidianamente a ogni titolo si impegnano per sostenerle. Insomma, il mio sarà solamente un arrivederci…».

A quanto ci è dato sapere, proprio perché l’assenza di Crivelli dovrebbe essere “temporanea”, appare quanto mai probabile che il presidente della Provincia Federico Binatti non provveda a distribuire le deleghe in capo all’ormai ex consigliere trecatese. Quasi scontato che proprio dall’esito del risultato delle urne – in particolare grazie ai Comuni dove il “voto ponderato” avrà un peso maggiore – si arriverà a un “rimpasto” in base ai nuovi equilibri di una maggioranza che al momento vede la Lega (con l’ingresso di Picozzi) salire a cinque consiglieri su nove, ma con Fratelli d’Italia desiderosa di aumentare la sua rappresentanza (ora di tre esponenti), mentre Forza Novara (ex Forza Italia) conta al momento unicamente su Marzia Vicenzi.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *