«Inaccettabile fare 200 chilometri per una visita urgente»

Il vicepresidente della Commissione sanità Domenico Rossi all'attacco del Piano regionale per il recupero delle liste d'attesa

«Inaccettabile fare 200 chilometri per una visita urgente». Lo denuncia il vicepresidente della Commissione regionale sanità Domenico Rossi, che parla di «molte, troppe segnalazioni di persone che rivolgendosi al CUP, anche a fronte di visite urgenti, quando gli appuntamenti non rispettano i tempi previsti, vengono destinati a strutture lontane. Una situazione inaccettabile. Da un lato perché il piano regionale per il recupero delle liste d’attesa prevede la divisione del Piemonte per aree omogenee, dall’altro perché, di fatto, molti rinunciano alla prestazione o si rivolgono al privato». Rossi ha presentato una mozione in cui sollecita «la giunta a dare indicazioni al CUP Unico Regionale e alle azienda sanitarie affinché le visite e le prestazioni siano garantite all’interno dell’area omogenea di riferimento entro i tempi stabiliti dai Piani Nazionale e Regionale e a fare in modo che le visite e le prestazioni classificate come urgenti siano garantite all’interno dell’ASL di riferimento o al massimo dall’HUB di quadrante».

Il vicepresidente della Commissione sanità fa presente che «nel corso della riunione della IV Commissione dello scorso 7 ottobre l’assessore Icardi ha riferito che sarebbero stati ripartiti 35 milioni di euro stanziati dal Governo per il recupero di prestazioni sanitarie. La ripartizione è stata definita con il d.l. 104 del 14 agosto 2020 che destinava: 8.268.000 euro per il recupero delle liste di attesa delle prestazioni di tipo C; 1.322.000 per il recupero delle liste di attesa delle prestazioni di tipo M e 25.600.000 per l’assistenza specialistica ambulatoriale convenzionata».

Nella propria mozione Rossi cita una serie di dati sul calo delle prestazioni sanitarie legato al Covid: «secondo i dati della Rete oncologica piemontese, in Piemonte, i ricoveri per i pazienti oncologici si sono ridotti del 19%, del 15% i ricoveri chirurgici ordinari. La contrazione maggiore si è rilevata per i tumori benigni: -30%. Significativi anche i decrementi per tumori urologici, tra il 15 e il 18%, e per quelli a mammella, polmone e retto, tra il 10 e il 12%».

E conclude polemicamente: «Questi sono i temi e i problemi su cui bisognerebbe lavorare a tempo pieno e su cui Giunta e Consiglio dovrebbero concentrarsi, non il tentativo scriteriato di cancellare una legge che funziona». Da ieri (6 luglio) in consiglio regionale è in corso la maratona per l’approvazione del disegno di legge 144 sul gioco d’azzardo patologico con l’assemblea convocata fino a venerdì a mezzanotte.

Leggi anche:

Rossi: «Il Piemonte fermo al palo sulle visite ai parenti ricoverati»

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni