Canelli: «Io commissario regionale della Lega? Devo pensare a fare il sindaco»

«Io commissario regionale della Lega? Devo prima di tutto pensare a fare il sindaco di Novara». Liquida inizialmente con queste parole Alessandro Canelli la notizia, rimbalzata attraverso un “triangolo” Roma, Torino e, appunto, la nostra città, che lo vedrebbe papabile nell’assumere la reggenza del partito a livello piemontese. Passaggio intermedio per arrivare a un futuro congresso del Carroccio.

L’operazione, secondo i bene informati, sarebbe condotta in primissima persona dallo stesso Matteo Salvini, impegnato a “rifondare” il partito attraverso in prima battuta un azzeramento dei vertici regionali; quelli che, tanto per intenderci, ai tempi di Umberto Bossi erano chiamati “segretari nazionali” (definendo il tal modo ogni regione una “nazione”, visto che il “senatur” era invece “segretario federale”). I nomi sull’agenda dell’ex ministro dell’Interno sarebbero diversi e fra questi rientrerebbe anche il leader piemontese Riccardo Molinari.

 

 

Ma per il capogruppo alla CAmera la cosa non suonerebbe affatto come una bocciatura, anzi. Proprio perché da tempo impegnato come capogruppo a Montecitorio, un suo eventuale passo indietro lo libererebbe da ulteriori impegni per consentirgli di dedicarsi esclusivamente alle sue funzioni alla Camera. Cosa in ogni caso smentita ancora da Canelli: «Molinari sta lavorando molto bene e non credo proprio ci siamo problemi da parte sua nel mantenere entrambi gli incarichi. In ogni caso, se proprio si dovesse arrivare a una sua sostituzione, ci sono donne e uomini all’interno del nostro partito in grado di ricoprire questo ruolo. Da parte mia ho un mandato come sindaco di una città importante come Novara da portare a termine e sto lavorando in vista di una campagna elettorale che già si annuncia particolarmente impegnativa».

E cosa dice a chi pensa che un commissario (e magari un futuro segretario) regionale possa essere un novarese? Magari come “premio” per quanto fatto e per i risultati ottenuti dalla Lega a Novara e dal suo “peso” in ambito piemontese? «Premio? Parliamone dopo le elezioni».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni