Restauro per un “gioiello” di Oleggio: è la maschera del Carnevale

La maschera, che risale al 1966 e che dal 1969 apre tutti i Carnevali della città, è una delle ultime opere ancora presenti di Alfredo Morescalchi, l’artista che dal 1948 al 1969 si è dedicato esclusivamente alla realizzazione del complesso d’apertura del Carnevale di Viareggio

Di nuovo a Viareggio, ma solo per un restauro. E’ tornata in Toscana per un po’ la maschera che dal 1969 inaugura sempre il Carnevale di Oleggio: realizzata nel 1966 da Alfredo Morescalchi, l’artista che dal 1948 al 1969 si è dedicato esclusivamente alla realizzazione del complesso d’apertura del Carnevale di Viareggio, aveva un forte bisogno di essere risistemata per poter avere ancora una vita molto lunga.

A Oleggio è arrivata appunto tre anni dopo la sua realizzazione grazie a un legame stretto con i maestri del Carnevale della città toscana e una sfilata per Viareggio. E per la città rappresenta un vero gioiello: l’opera infatti è una delle poche ancora esistenti intatte del Morescalchi, ci sono bozzetti nell’archivio del centro ricerche Carnevale di Viareggio, ma di fatto nel concreto è rimasto davvero poco. La maschera è ancora in viaggio, il lavoro dei maestri di Viareggio ha già dato alcuni risultati, ma servono ancora alcuni interventi prima di poterla riportare a casa.

Si ringrazia Sandro Valentini per le preziose informazioni e per le fotografie

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni