A Mandello un albero di Natale tutto ricamato a mano dalle signore del paese

Colorato, diverso dal solito, solare, che mette il buon umore. È l’albero di Natale che quest’anno abbellisce il centro di Mandello Vitta: una struttura interamente ricamata a mano grazie al lavoro a maglia delle signore del paese. Sono state proprio loro a organizzarsi in questi mesi per creare i diversi quadrati di stoffa poi cuciti insieme e anche i vestitini delle renne collocate a fianco dell’albero. Domenica 5 dicembre si è tenuta l’inaugurazione con la benedizione del parroco e alla presenza delle protagoniste, del sindaco Paolo Patrioli, del suo vice Maria Rosaria Gozzi e del consigliere Riccardo Fizzotti.

«Un grazie di cuore alle nostre volontarie e ai volontari che con questi gesti semplici e bellissimi aiutano a creare aggregazione e a tenere viva la nostra comunità e le nostre tradizioni».

A realizzare l’albero sono state Ornella, Fernanda, M.Clara, Stefania, Lina, Giuliana, Emanuela, Anna, Fulvia; Giovanna e M.Pia (ex Mandellesi); Laura e Giancarla; la signora Rosaria ha contribuito al lavoro e il signor Mauro ha curato gli aspetti tecnici. Un lavoro di sinergia: tante le offerte raccolte e un grazie a Lucia e Paola hanno fornito il materiale e lo hanno fatto anche la filatura Sesia di Fara e l’ombrellificio di San Pietro.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni