Rincari energetici, l’allarme delle società sportive: «La prossima bolletta sarà devastante»

La preoccupazione del presidente dell'Olimpia Paolo Mirabelli e della Polisportiva San Giacomo Sergio Ferrarotti. L'assessore De Grandis «Stiamo studiando soluzioni alternative»

Grido d’allarme di diverse società sportive dilettantistiche che utilizzano, avendone avuta la gestione, gli impianti cittadini: «Abbiamo preventivato un aumento delle utenze che potrebbe arrivare al 30%. Grazie alla bella stagione e qualche misura di contenimento finora il problema non si è ancora manifestato, ma la prossima bolletta potrà avere un effetto devastante».


A parlare sono Paolo Mirabelli e Sergio Ferrarotti, rispettivamente presidente dell’Olimpia e della Polisportiva San Giacomo. Entrambi i sodalizi usufruiscono per la loro attività – soprattutto legata al calcio – in gestione diretta le strutture di Sant’Agabio la prima e in zona Agogna la seconda.


Gestione che comporta farsi carico delle utenze, dall’energia per l’accensione dell’illuminazione serale al gas e l’acqua per riscaldamento e docce. Costi, precisano entrambi i massimi dirigenti, «che al termine della stagione, una volta rendicontati, ci vengono parzialmente rimborsati dall’amministrazione come contributo per l’attività».


«L’ultima bolletta l’abbiamo pagata un mese fa – dice ancora Mirabelli – e l’importo era in linea con le previsioni, grazie a un limitato utilizzo dell’illuminazione serale. Dalla prossima potrebbe arrivare la stangata. Facciamo tanti sacrifici e le risorse sono sempre meno», mentre una possibile soluzione, ha proposto invece Ferrarotti, che si attende un aumento del 30% della bolletta rispetto allo stesso periodo dello scorso anno «potrebbe essere il ricorso a fonti alternative e la sostituzione delle attuali lampade con analoghe a basso consumo».


Soluzione caldeggiata anche dallo stesso assessore allo Sport del Comune, Ivan De Grandis; «Come amministrazione cerchiamo di supportare tutte le realtà sportive. Siamp perfettamente a conoscenza delle difficoltà che stanno vivendo mote società e stiamo studiano soluzioni alternative come quella riguardante appunto un investimento legato a fonti energetiche a basso consumo. L’impiantistica è direttamente collegata allo sport e auspichiamo qualche soluzione individuata dal nuovo Governo attraverso il ministro Abodi».

Leggi anche

Caro bollette, il Comune tranquillizza le società sportive: «Non ci saranno aumenti»

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni