“Era un giorno buio a Dallas, novembre ’63/Un giorno che vivrà per sempre nell’ignominia/ Il presidente Kennedy volava alto/Una buona giornata per essere vivi e una buona giornata per morire…”.

E così Mr. Zimmerman, nei giorni del lockdown (e forse non a caso), sforna “Murder Most Foul”, un incredibile testo, incastonato in un composizione musicale-gioiello che, partendo da quel terribile assassinio, ripercorre una bella fetta della storia americana e non solo, attraverso la musica, il cinema, la letteratura (dalla nascita da lì a poco dei “Beatles”, ai festival di Woodstock e Altamont) con decine e decine di riferimenti, spesso di difficile collocazione, come “Deep Ellum”, quartiere di Dallas o “Ride the Pink Horse”, film noir del 1947 e moltissimi altri.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=3NbQkyvbw18]

Ma le canzoni e le ballate di Dylan sono così, sono marchingegni linguistici e semantici sostenuti da una incomparabile capacità di narrazione sonora. Ci vorrebbe tutta la cultura musicale del mio amico Riccardo Bertoncelli o l’immensa pignoleria di uno studioso dylaniano come Alessandro Carrera, per illuminarci su ogni singolo riferimento e su ogni citazione, anche se nel web si trovano discrete traduzioni e buone guide all’ascolto (segnalo quella del sito “Tom Tom Rock” e quella del “Rolling Stones”).

Non mancate di ascoltare la voce pastosa del menestrello di Duluth che il 24 maggio ha compiuto settantanove anni. Davvero Buon compleanno Bob…

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Mario Grella

Mario Grella

Nato a Novara, vissuto mentalmente a Parigi, continua a credere che la vita reale sia un ottimo surrogato del web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni