“Era un giorno buio a Dallas, novembre ’63/Un giorno che vivrà per sempre nell’ignominia/ Il presidente Kennedy volava alto/Una buona giornata per essere vivi e una buona giornata per morire…”.

E così Mr. Zimmerman, nei giorni del lockdown (e forse non a caso), sforna “Murder Most Foul”, un incredibile testo, incastonato in un composizione musicale-gioiello che, partendo da quel terribile assassinio, ripercorre una bella fetta della storia americana e non solo, attraverso la musica, il cinema, la letteratura (dalla nascita da lì a poco dei “Beatles”, ai festival di Woodstock e Altamont) con decine e decine di riferimenti, spesso di difficile collocazione, come “Deep Ellum”, quartiere di Dallas o “Ride the Pink Horse”, film noir del 1947 e moltissimi altri.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=3NbQkyvbw18]

Ma le canzoni e le ballate di Dylan sono così, sono marchingegni linguistici e semantici sostenuti da una incomparabile capacità di narrazione sonora. Ci vorrebbe tutta la cultura musicale del mio amico Riccardo Bertoncelli o l’immensa pignoleria di uno studioso dylaniano come Alessandro Carrera, per illuminarci su ogni singolo riferimento e su ogni citazione, anche se nel web si trovano discrete traduzioni e buone guide all’ascolto (segnalo quella del sito “Tom Tom Rock” e quella del “Rolling Stones”).

Non mancate di ascoltare la voce pastosa del menestrello di Duluth che il 24 maggio ha compiuto settantanove anni. Davvero Buon compleanno Bob…

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: