Family Food Fight: i Bastianich e Cannavacciuolo pranzano alla corte di un novarese

Family Food Fight: i Bastianich e Cannavacciuolo pranzano alla corte di un novarese, ovvero lo chef Massimiliano Gennari. Specialista dello show cooking e con un vasto background di esperienze internazionali ha un compito ben preciso nel dietro le quinte della trasmissione Sky (in onda in chiaro su canale 8), in cui sei famiglie si sfidano a colpi di ricette di gruppo: «Ogni giorno gestisco il catering per la trasmissione – racconta – Fra conduttori, concorrenti e troupe della produzione parliamo di circa 150 pasti».

 

Gennari ha già avuto altre esperienze con il piccolo schermo: è stato lo chef di produzione per quattro edizioni di “Cuochi d’Italia”, condotto da Alessandro Borghese. E nella versione internazionale del format “Cuochi dal mondo”, condotta da Bruno Barbieri, è stato anche fra i protagonisti della puntata pilota (nella foto): «Impersonavo un cuoco cinese e ho preparato l’anatra, è stato fantastico e anche molto divertente».

Il suo lavoro l’ha portata e continua a portarla a contatto con vip molto noti al grande pubblico: come sono queste persone a telecamere spente?
«Joe e Lidia Bastianich sono persone assolutamente alla mano e Cannavacciuolo è veramente simpatico e spiritoso. Peraltro ci conoscevamo già da alcuni anni e ho anche lavorato con lui in cucina: nel 2017 abbiamo gestito insieme l’inaugurazione della sede Microsoft di Milano. A dire il vero lui è stato presente solo il primo giorno, io mi sono dato da fare per sette giorni di fila – ricorda divertito – In generale, in base alle diverse esperienze avute nella mia carriera, posso dire che molto spesso la gente di spettacolo recita una parte davanti alle telecamere, ma al di fuori di questi contesti sono cordiali e piacevoli. E, in particolare per quanto riguarda gli chef noti grazie alla tv, ho sempre trovato grande rispetto nei miei confronti, in qualità di collega».

A ottobre sulle colonne della Voce aveva raccontato che stava per partire con la gestione del ristorante interno all’autodromo di Monza: siete riusciti aprire?
«Purtroppo a causa del Covid, che è stato davvero come una mannaia per il settore ristorazione, siamo in stand by. In questo periodo è stato quindi importante lavorare su nuovi progetti, come Family Food Fight e la collaborazione con un birrificio artigianale locale. FFF è un’avventura partita grazie alla collaborazione con Hethos, azienda specializzata in facilities che ha deciso di aprirsi al mondo food. Nel frattempo, con Marco Scotti di Diciottozerouno, ho anche selezionato alcune loro birre che ho voluto racchiudere sotto la sigla Isem. L’idea di questo acronimo è venuta a mia figlia Isabella, che ha 9 anni: ogni lettera corrisponde all’iniziale dei nomi della nostra famiglia (Isabella, mio figlio Sebastiano, mia moglie Elena e M di Massimiliano). Con Marco abbiamo in programma di lavorare insieme sugli abbinamenti cibo-birra, di creare delle gelatine e della salse a base di birra. Ma la vera sfida sarà una nuova birra con una ricetta pensata da me», conclude Gennari.

Leggi anche:
Uno chef novarese dietro le quinte con Bruno Barbieri e Alessandro Borghese

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

0 risposte

  1. Massimiliano, un professionista preparato e attento. Pochi come lui, felice di averlo conosciuto ed aver condiviso una parte della nostra vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: