Galliate, i 5 Stelle attaccano: «Castello abbandonato». Il sindaco: «Polemica sterile»

Botta e risposta fra il Movimento 5Stelle e il sindaco Claudiano Di Caprio. Sul tavolo il presunto stato di abbandono del castello

Il Movimento Stelle attacca l’amministrazione galliatese puntando il dito sul presunto stato di abbandono del castello Visconteo Sforzesco a poche ore dall’inaugurazione dell’esposizione di costruzioni di mattoncini Lego “Gaja Bricks” organizzata proprio fra le mura del castello il 2 e il 3 settembre.

«Piccioni morti, erba alta, sedie nuove gettate per terra e sporcizia ovunque – ha sottolineato l’opposizione in una nota -. Ad aggravare poi la situazione e a mettere alle spalle al muro questa amministrazione fantasma è stata una visita guidata al castello, organizzata da tempo per il 1° settembre, in cui i figli del pilota automobilistico argentino, Manuel Fangio, giunti apposta dal Sud America per visitare il Museo di Achille Varzi, hanno fatto spalancare le porte del nostro bellissimo Castello di Galliate. Purtroppo, agli occhi dei turisti, sarà apparso come in evidente stato di abbandono».

«Una polemica sterile – replica il sindaco, Claudiano Di Caprio -. Il castello non è in uno stato di abbandono come vogliono far credere. Le sedie accatastate erano pronte per l’allestimento del “Gaja Bricks” e non erano abbandonate lì senza un motivo. Oltretutto -precisa Di Caprio – durante la visita guidata ai figli di Manuel Fangio, il castello era chiuso, perchè si trattava di una visita privata, dunque perchè hanno scattato quelle fotografie? E’ vero che il castello è di tutti, ma ci sono orari prestabiliti e vanno rispettati. La politica non si fa soltanto con le foto, ma evidentemente è il loro modo di fare».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2023 La Voce di Novara - Riproduzione Riservata
Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Paolo Pavone

Paolo Pavone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni