Eventi&Cultura

Sul podio il maestro Noseda inaugura lo Stresa Festival

La seconda parte della rassegna è in programma questa sera al Palazzo dei Congressi con l'integrale dei Concerti per pianoforte e orchestra di Beethoven. A dirigere l'orchestra Gianandrea Noseda, direttore del festival

Sul podio il maestro Noseda inaugura lo Stresa Festival. La seconda parte della rassegna è in programma questa sera, giovedì 20 agosto, alle 20, al Palazzo dei Congressi con l‘integrale dei Concerti per pianoforte e orchestra di Beethoven. A dirigere l’orchestra Gianandrea Noseda, direttore del festival.

Un omaggio all’autore tedesco in occasione del 250° anniversario della nascita. Il Terzo Concerto ebbe la sua prima esecuzione a Vienna nel 1803, suonato dal compositore stesso e presto diventò una delle composizioni più eseguite e apprezzate del genio di Bonn. Trait d’union tra la forma tardo settecentesca e una concezione più sinfonica del concerto, il Terzo rappresenta un punto di svolta nello sviluppo dialogico tra solista e orchestra contribuendo a innalzare la già robusta fama del compositore e delineando una nuova articolazione espressiva destinata a durare nel tempo. Beatrice Rana è la pianista a cui è affidata l’esecuzione diretta da Gianandrea Noseda alla testa dell’Orchestra Giovanile della Comunità Europea (EUYO). Completano il programma la Sinfonia n. 3 in re maggiore composta da un giovanissimo Schubert.

Domani, invece, venerdì 21 agosto, sempre al Palazzo Congressi, alle 17 e alle 21, sono in programma i primi due appuntamenti con l’integrale delle 32 Sonate per pianoforte di Beethoven. L’esecuzione del corpus delle Sonate è, infatti, affidato a sette diversi pianisti di grande talento, suddiviso in altrettanti appuntamenti.

 

 

Il primo a esibirsi (Sonata op. 2 n. 1 e 2; op. 10 n. 2; op. 14 n. 2; op. 111) sarà Pietro De Maria. Nato a Venezia nel 1967, De Maria ha iniziato lo studio del pianoforte con Giorgio Vianello e si è diplomato sotto la guida di Gino Gorini al Conservatorio della sua città, perfezionandosi successivamente con Maria Tipo al Conservatorio di Ginevra, dove ha conseguito nel 1988 il Premier Prix de Virtuosité con distinzione. Dopo aver vinto il Premio della Critica al Concorso Tchaikovsky di Mosca nel 1990, Pietro De Maria ha ricevuto il Primo Premio al Concorso Internazionale Dino Ciani di Milano (1990), al Géza Anda di Zurigo (1994). Nel 1997 gli è stato assegnato il Premio Mendelssohn ad Amburgo. Il suo repertorio spazia da Bach a Ligeti ed è il primo pianista italiano ad aver eseguito pubblicamente l’integrale delle opere di Chopin in sei concerti. Pietro De Maria è Accademico di Santa Cecilia e insegna al Mozarteum di Salisburgo. È nel team di docenti del progetto La Scuola di Maria Tipo organizzato dall’Accademia di Musica di Pinerolo.

Alle 21 al pianoforte siederà Alexander Lonquich (Op.26 n.12, op.90 n.27, op.106 “Hammerklavier”). Nato a Trier, in Germania, nel 1960. Nel 1977 ha vinto il Primo Premio al Concorso Casagrande dedicato a Schubert. Da allora ha tenuto concerti in Giappone, Stati Uniti e nei principali centri musicali europei. La sua attività lo vede impegnato con direttori d’orchestra quali Claudio Abbado, Kurt Sanderling, Ton Koopman, Emmanuel Krivine, Heinz Holliger, Marc Minkowski. Particolare in tal senso è stato il rapporto mantenuto con Sándor Végh e la Camerata Salzburg, di cui è tuttora regolare ospite nella veste di direttore-solista. Un importante ruolo svolge inoltre la sua attività nell’ambito della musica da camera. Alexander Lonquich, infatti, nel corso degli ultimi anni ha avuto modo di collaborare con artisti del calibro di Christian Tetzlaff, Joshua Bell, Heinrich Schiff, Steven Isserlis, Isabelle Faust, Jörg Widmann, Boris Pergamenschikov, Heinz Holliger e Frank Peter Zimmermann ed ha ottenuto numerosi riconoscimenti dalla critica internazionale quali il “Diapason d’Or” nel 1992, il “Premio Abbiati” nel 1993 e il “Premio Edison” in Olanda nel 1994. Nel ruolo di direttore-solista, Alexander Lonquich collabora stabilmente con l’Orchestra da Camera di Mantova e tra le altre con l’Orchestra della Radio di Francoforte, la Royal Philharmonic Orchestra, la Deutsche Kammerphilharmonie, la Camerata Salzburg, la Mahler Chamber Orchestra, l’Orchestre des Champs Elysées e la Filarmonica della Scala di Milano. Si esibisce regolarmente per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, con la quale dalla stagione 2011/12 collabora anche come direttore-solista.

Biglietti per il concerto inaugurale: 40 euro under 26 10 euro; biglietti per i concerti di pianoforte 30 euro, under 26 10 euro. Info boxoffice@stresafestival.eu, tel. 032331095.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati