Stresa Festival omaggia Stravinskij e celebra i 50 anni dalla sua morte

Questa sera concerto dei pianisti Mariangela Vacatello e Alessandro Taverna con Habanera Teatro a Palazzo dei Congressi

6Stresa Festival omaggia il grande Igor Stravinskij in occasione dell’anniversario dei 50 anni dalla sua morte: un tributo che si concretizzerà in diverse serate, a partire da oggi, mercoledì 25 agosto, alle 20 a Palazzo dei Congressi, quando verrà proposto uno dei suoi lavori più noti, Petrouchka, nella versione dell’autore per pianoforte a 4 mani. Protagonisti i pianisti Mariangela Vacatello Alessandro Taverna con Habanera Teatro che realizza uno spettacolo di teatro di figura per pupazzi, marionette a bacchetta e burattini in gommapiuma, ombre e attore, per raccontare la storia di un grande personaggio della tradizione russa che Igor Stravinskij ha contribuito a immortalare. Lo spettacolo è interamente guidato dalla musica, ma rispetta i canoni della migliore tradizione dei burattini, dove il pubblico individua immediatamente i ruoli dei personaggi e parteggia per loro; così sullo sfondo della storia d’amore si muovono la Ballerina, il Moro, il Burattinaio, il Carnevale e, naturalmente, Petrouchka. Un amore impossibile e una fine imprevista per un personaggio e una musica eterni. Il programma della serata si completa con il Quinto Brandeburghese di Bach trascritto da Max Reger per pianoforte a 4 mani.

Nella stessa giornata alle 11.30 presso Palazzo Congressi ci sarà un Album che è un “dietro le quinte” ed è riservato ai bambini e ragazzi fino a 15 anni con un accompagnatore: si potrà assistere a una parte delle prove dello spettacolo Petrouchka. Al termine la compagnia Habanera Teatro illustrerà i particolari della realizzazione del teatro di figura per pupazzi, marionette a bacchetta e burattini in gommapiuma, ombre e attore. Numero massimo di partecipanti: 50 persone, su prenotazione.

Per informazioni: www.stresafestival.eu

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *