Sacro Monte di Ghiffa: dalla Giornata del Creato al concerto dello Stresa festival dedicato a Pasolini

Una serie di giornate dedicate al camminare insieme immersi nella natura, alla scoperta del patrimonio storico e artistico del territorio rappresentato da santuari e Sacri Monti

Sarà un settembre ricco di eventi per il Sacro Monte di Ghiffa, nel Verbano Cusio Ossola. Sabato 3 settembre è in programma il primo importante evento, la 17° Giornata per la custodia del creato, organizzata dalla Pastorale sociale e del lavoro con l’associazione “Cammino di Santiago”; l’iniziativa si inserisce nel ciclo di pellegrinaggi “Ora viene il bello”, proposta delle Cei cui ha aderito anche la diocesi di Novara. Una serie di giornate dedicate al camminare insieme immersi nella natura, alla scoperta del patrimonio storico e artistico del territorio rappresentato da santuari e Sacri Monti. Sabato l’appuntamento è a partire dalle 9.30 presso il monastero della Santissima Trinità di Ghiffa. La mattina si aprirà con una riflessione proposta dalle monache benedettine del Santissimo Sacramento e sarà dedicata ad una passeggiata vissuta con un ritmo lento e adatto a tutti, per consentire di assaporare le bellezze della natura, sino al Sacro Monte, con l’arrivo previsto per le 12.15. Dopo il pranzo al sacco, alle 14.30 un momento di riflessione e preghiera animato dal coro dei Work in Progress sul tema “Torniamo al gusto del pane… Rivediamo la bellezza del Creato”. La giornata si concluderà con la messa, celebrata dal vescovo di Novara Franco Giulio Brambilla alle 15.30. Per motivi organizzativi è consigliabile comunicare la partecipazione alla mail caritas@diocesinovara.it.

Ma gli appuntamenti al Sacro Monte di Ghiffa proseguiranno anche nei giorni successivi.

Domenica 4 settembre nel prato antistante la chiesa che si affaccia sul lago è in programma un concerto nell’ambito dello Stresa Festival, che quest’anno omaggia in diversi appuntamenti Pier Paolo Pasolini: alle ore 18 il Coro del Friuli Venezia Giulia diretto da Cristiano Dell’Oste – con archi e percussioni della FVG Orchestra e le voci recitanti di Monica Mosolo e Massimo Somaglino – proporrà il testo teatrale “I Turcs tal Friùl” di Pasolini, musicato da Luigi Nono e da Giovanna Marini, alternato a Corali di Bach (biglietti 25 euro, info sul sito di Stresa Festival).

Un altro evento di richiamo sarà una anteprima del Festival LetterAltura sabato 17 settembre con la camminata poetica con Lino Pasquale Cacciapaglia: partenza alle 15 da Ceredo e arrivo al Sacro Monte di Ghiffa intorno alle 18.

Mentre il 18 settembre alle ore 11 sarà inaugurata la mostra collettiva “Fede e Bellezza” a cura di Lorenza Boisi. Le artiste Paola Alborghetti, Francesca Ferreri, Serena Fineschi, Concetta Modica, Vera Portatadino, Eva Reguzzoni, Laura Renna, oltre ad esporre i propri lavori, sono state invitate a realizzare un’opera inedita in dialogo con il contesto artistico del Sacro Monte, che verrà svelata solo in occasione dell’inaugurazione.

«Il Sacro Monte di Ghiffa sta ospitando un calendario sempre più ricco di iniziative religiose e culturali di richiamo realizzato con le associazioni del territorio – ha commentato la presidente dell’Ente di Gestione dei Sacri Monti del Piemonte, Francesca Giordano – Una programmazione che va nella direzione di far conoscere a un numero crescente di persone l’inestimabile patrimonio storico-artistico, ma anche naturalistico dei Sacri Monti, sempre più apprezzati da turisti e pellegrini che arrivano anche da lontano». 

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL