Primo weekend in giallo: 300 visitatori alla mostra sul Divisionismo

Il weekend appena trascorso, il primo in zona gialla dopo un lungo periodo rosso e poi arancione, ha fatto registrare 300 visitatori nelle giornate di sabato 1 e domenica 2 maggio alla mostra allestita al castello di Novara “Divisionismo – La rivoluzione della luce”. «Numeri soddisfacenti se consideriamo il periodo di restrizioni, le chiusure e le difficoltà nell’organizzazione delle visite tra distanziamenti e sanificazioni – spiega Paolo Tacchini, presidente di Mets Percorsi d’arte, l’associazione che ha promosso l’esposizione -. Da quando abbiamo riaperto nella versione Rewind, nel mese di ottobre, sono stati registrati 3000 visitatori. Ci auguriamo che la situazione possa migliorare: stiamo già mettendo le basi per l’evento del prossimo autunno».

La mostra è visitabile ancora per un mese da oggi, fino al 2 giugno compreso, da lunedì a domenica dalle 10 alle 19.

La prenotazione non è obbligatoria, ma altamente consigliata in quanto gli accessi saranno contingentati e sarà consentito l’accesso a un numero limitato di persone, 20 ogni 20 minuti (60 ogni ora).

Per tutte le informazioni sulla visita è possibile consultare il portale di Mets cliccando QUI.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni