Non c’è pace per la mostra sul Divisionismo. Da oggi di nuovo chiusa

Non c’è pace per la mostra sul Divisionismo. Da oggi, giovedì 5 novembre, in seguito all’entrata in vigore dell’ultimo Dpc, l’esposizione allestita al castello di Novara è costretta a chiudere i battenti. Ed è già la seconda volta perchè in primavera, durante il primo lockdown, la mostra era stata interrotta in seguito alle misure restrittive; il 24 ottobre ha riaperto e ora si ritrova a dover tirare giù le serrande di nuovo.

«Avevamo garantito una visita in sicurezza e chi è venuto a vedere la mostra può dirlo – afferma il presidente di Mets, Paolo Tacchini -. Abbiamo ricevuto numerosi messaggi di apprezzamento e, nonostante le norme sul distanziamento, domenica sono stati registrati trecento visitatori. Spiace perchè la decisione è stata presa da un giorno all’altro ed è stata una sfida riallestire tutta l’esposizione. Però se è stato stabilito così non possiamo che adeguarci. Non ci scoraggiamo comunque: attendiamo un futuro migliore. Se la situazione migliorerà, la mostra dal 4 dicembre sarà nuovamente visitabile fino al 24 gennaio».

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni