Le musiche di Liszt per celebrare l’anniversario di Dante

Nell’ambito delle celebrazioni per i settecento anni dalla morte di Dante, l’associazione Amici della musica Vittorio Cocito, appartenente al Comitato novarese per le Celebrazioni Dantesche, promuove lo spettacolo “Liszt e le tre corone della lingua italiana: Dante, Petrarca, Boccaccio” registrato all’auditorium del conservatorio Cantelli e trasmesso giovedì 6 maggio alle 21 sul canale YouTube di A-Novara.

Il concerto sarà visibile fino a giovedì 13 maggio, al quale seguirà la seconda parte. Lo spettacolo, infatti, viene realizzato in tre parti: ciascuna vede l’attore Mario Cei recitare i testi letterari e le raffigurazioni che hanno ispirato l’opera pianistica del grande musicista ungherese segnatamente indirizzata a Dante, Petrarca e Boccaccio. Il pianista Adalberto Maria Riva esegue i virtuosistici brani registrati. Un momento musicale che mette in luce l’importanza assunta dal Medioevo nel contesto del Romanticismo. Tra gli autori più sensibili, Franz Liszt nel corso della sua lunga attività compositiva dedicò a questi temi pagine musicali di straordinaria bellezza.

La prima parte del concerto unisce Totentanz di Liszt alla descrizione della peste inserita da Giovanni Boccaccio quale introduzione al Decameron. Totentanz è esplicitamente riferito all’imponente ciclo di affreschi situati nel Campo Santo di Pisa realizzati nel XIV secolo da Buonamico Buffalmacco.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni