L’archivio di Dante Graziosi in anteprima alla Biblioteca Negroni

L’archivio di Dante Graziosi in anteprima alla Biblioteca Negroni. Domani, giovedì 29 aprile, alle 18 è in programma un evento on line per presentare le carte dello scrittore veterinario e politico che ha raccontato la civiltà contadina della Bassa Novarese.

Il progetto è cura di Francesca Galli e Roberto Cicala e l’ordinamento dell’archivio è stato sostenuto dalla famiglia Graziosi, dal Comune di Novara, dalla Regione Piemonte e dalla Fondazione Comunità Novarese Onlus con racccolta fondi da parte di novaresi sensibili alla memoria culturale. L’evento è disponibile come sempre sulle pagine Facebook Centro Novarese di Studi Letterari e Biblioteca Civica Negroni e visibile in differita anche sul sito Novara.letteratura.it.

In occasione dell’inaugurazione del fondo archivistico, con l’apertura a consultaizoni su appuntamento, anche per ricerche scolastiche e universitarie, è lanciata una nuova edizione del premio letterario “Novara Terra degli aironi” intitolato a auna delle opere più celebri di Graziosi. Il premio è aperto ad autori pubblicati e non, con un premio alla carriera e una sezione dedicata ai giovani, con un concorso multimediale per scuole elementari medie e superiori e una sezione per progetti e tesi di laurea universitarie, per un patrimonio culturale sempre più condiviso a livello sociale. L’archivio, digitalizzato, sarà a breve consultabile anche sul portale regionale Mèmora.

Dalla necessità di preservare e valorizzare questo mondo attraverso la vita e le opere dell’autore nasce l’idea dell’Archivio Dante Graziosi che, dopo una prima fase di organizzazione di carte e documenti, è stato collocato al primo piano del palazzo Vochieri di Novara, presso la Biblioteca Civica Carlo Negroni. L’ordinamento finale, con digitalizzazione, è stato curato da Francesca Galli che nel video-mostra virtuale ripercorre i materiali più importanti della carriera di Graziosi: dattiloscritti e bozze autografe, appunti, diari, fotografie e dipinti, documenti accademici, personali e politici, corrispondenza, rassegna stampa, recensioni e bibliografia critica, prime edizioni e inediti, opere a stampa letterarie, scientifiche e politiche, ordinati, schedati e digitalizzati per mantenere viva la testimonianza della cultura e della civiltà contadina novarese. Intervengono, tra gli altri, Roberto Cicala, presidente del Centro Novarese di Studi Letterari e responsabile del progetto; Gabriella Serratrice, direttore del settore Promozione dei beni librari della Regione Piemonte; Paolo Testori, responsabile della Biblioteca Negroni di Novara, Diego e Valentina Graziosi, figlio e nipote dello scrittore.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni