La forza di Beethoven e il demone di Tolstoj nel prossimo concerto del Festival Cantelli

Lunedì 13 dicembre al Teatro Faraggiana serta dedicata a La Sonata a Kreutzer con il violinista Matteo Ruffo, il pianista Ettore Borri e l’attore Mario Cei

Terzo appuntamento con il Festival Cantelli, questa volta dedicato a La Sonata a Kreutzer, la sonata per violino e pianoforte più celebre di Beethoven. Di grandi dimensioni e di impervia esecuzione, costituisce una vera sfida per tutti gli interpreti.

«Beethoven era perfettamente consapevole della rivoluzionaria novità di questo brano al punto che nella prima edizione volle fosse riportata la seguente dicitura: “Sonata scritta in uno stilo molto concertante quasi come d’un Concerto”, suscitando un profondo sconcerto nella critica coeva che così si esprimeva: “Beethoven spinge la ricerca dell’originalità fino al grottesco … egli è l’adepto di un terrorismo artistico” – racconta Ettore Borri, presidente dell’associazione Amici della musica Vittorio Cocito e tra i protagonisti del concerto -. L’autore tedesco, nel testamento di Heiligenstadt, seppe reagire alla disperazione causata dall’incipiente sordità, riconoscendo proprio alla musica il senso e il compimento della sua esistenza. La musica per Beethoven assume dunque un essenziale valore salvifico che in questa sonata, così come nelle altre opere scritte nel crescente silenzio della sordità, testimonia la consapevolezza, la forza e la grandezza del genio di Bonn. Nel 1889, Tolstoj pubblica un breve romanzo che intitola “Sonata a Kreutzer”, sottolineando la stretta correlazione tra quella composizione musicale e la sua ispirazione letteraria. L’autore russo interpreta la veemenza ritmica del brano beethoveniano per rappresentare il demone torbido e crescente della gelosia che si insinua nel protagonista fino a manifestarsi nell’efferata nefandezza dell’uxoricidio».

«Fino a oggi, la Sonata a Kreutzer ha riscosso una popolarità ineguagliata sia nel pubblico dei concerti, sia in quello del teatro grazie alle molteplici e pregevoli realizzazioni – prosegue Borri -. Una curiosità riguarda il mondo cinematografico: fin dal 1915, infatti, si sono succedute varie pellicole ispirate al romanzo di Tolstoj come, ad esempio, La Sonata a Kreutzer di Éric Rohmer (1956) e La Sonata a Kreutzer di Maurizio Sciarra con Arnoldo Foà e Vanessa Incontrada (2005)».

Il concerto in programma domani, lunedì 13 dicembre, alle 21 al Teatro Faraggiana, sulla base della riduzione teatrale di Claudio Beccari, vuole proporre in forma di concerto la vicenda narrata da Tolstoj intervallata dai tre movimenti della sonata beethoveniana. Il pubblico potrà coglierne le due anime: forza vitale e salvifica (Beethoven) o demone di morte (Tolstoj).

Interpreti della serata, il violinista Matteo Ruffo, il pianista Ettore Borri e l’attore Mario Cei.

Biglietti a partire da 20 euro. Biglietteria: Giovedì 10-14.30 / Venerdì 13/18.30 in Via dei Cattaneo 15. Tutti i giorni presso Tune Dischi a Novara. Online su Vivaticket.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni