“Il mito di Venezia” in un ciclo di incontri

Il primo appuntamento è in programma questa sera al castello con Paolo Serafini che parlerà di pittura veneta dell'800

La mostra allestita nelle sale del castello di Novara (come sempre promossa da Mets Percorsi d’arte, associazione che aveva già dato via a “Ottocento in collezione” e le due versioni di “Divisionismo, la rivoluzione e della luce”) racconta la laguna di Venezia vista attraverso gli occhi di Francesco Hayez (l’autore de Il bacio) e dei pittori dell’Ottocento che lì si erano trasferiti per studiare.

Come per i precedenti allestimenti, anche “Il mito di Venezia” – questo il titolo dell’esposizione – è corredato di incontri tematici con esperti del settore. Il primo è in programma questa sera, 11 novembre, alle 18 al castello con Paolo Serafini che parlerà di pittura veneta dell’800 e nascita del mercato globale dell’arte. Il prossimo, giovedì 25, sempre alle 18 sul tema “Ettore Tito e le biennali a Venezia” con Silvia Capponi.

Chiude il ciclo di incontri del 2021 Niccolò D’Aganti, il 9 dicembre, con “L’internazionale di Venezia, la nascita di una istituzione tra idea e realtà”. L’ingresso è libero senza prenotazione ma con Green Pass.

Info e costi sulla mostra cliccare QUI

Leggi anche

Da Venezia a Novara. Hayez e i pittori dell’Ottocento: la meraviglia nelle sale del castello

Scoprire Venezia tra le mura del castello di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni