Drive in e cinema on line? I gestori non ci stanno

Sale cinematografiche e teatri saranno, con ogni probabilità, gli ultimi a riaprire. E se ci saranno le condizioni per farlo. La “scaletta” alla quale sta da tempo lavorando il governo per la fase 2 non sembra voler fare sconti. Ma i gestori, a Novara come nel resto d’Italia, non ci stanno, storcendo il naso anche di fronte alla proposta del ministro Dario Franceschini di attuare alcune iniziative come la formula a distanza o il passaggio a nuove piattaforme digitali.

 

 

Vanni Vallino

Uno spettacolo teatrale davanti alla tv o su un tablet? Decisamente contrario è Vanni Vallino, presidente della fondazione Teatro Faraggiana: «Il teatro è partecipazione diretta, tanto per chi sta sul palcoscenico quanto per chi è seduto in sala. Deve suscitare un’emozione, altrimenti non sarebbe teatro». Analogo discorso andrebbe fatto per un film: «Il grande schermo conserva intatto il suo fascino, si tratta di un vero e proprio “rito” da vivere in coppia o con gli amici». Ma al di là di queste considerazioni quasi romantiche, la preoccupazione maggiore rimane quella «di quando e in che termini potremo riaprire davvero e come ci si dovrà comportare di conseguenza».

Mario Tosi

Sulla stessa lunghezza d’onda Mario Tosi, gestore in città del Vip e Araldo: «In questi giorni se ne stanno sentendo di tutti i colori – commenta quasi sconsolato – sta di fatto che la realtà vera è che siamo fermi, ma le spese gestionali le dobbiamo affrontare. In una situazione come questa occorre davvero che, al di là delle parole, politici e amministratori facciano qualcosa di concreto per il settore, attraverso contributi e agevolazioni».

Fra le tante proposte di questo ultimo periodo è rispuntata l’idea di riproporre gli storici drive in: «Si tratta di un’ipotesi decisamente anacronistica. Chi lo dice evidentemente non conosce i costi che si devono affrontare, non basta avere uno spiazzo per far parcheggiare le auto. Piuttosto, visto che stiamo entrando nella bella stagione, si potrebbe agevolare i cinema all’aperto, rispettando comunque le distanze di sicurezza fra gli spettatori». E l’idea di nuove piattaforme digitali? «Porterebbero soldi in più unicamente ai produttori. Ma noi e il pubblico stiamo gli ultimi anelli della catena».

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni