Al Faraggiana va in scena Macbettu, il Macbeth di Shakespeare recitato in sardo

Doppia replica martedì 14 e mercoledì 15 settembre

Per la stagione AlFuturo arriva al Faraggiana uno degli spettacoli più significativi degli ultimi anni non solo in Italia ma nel mondo; Macbettu, Premio Ubu 2017 come Spettacolo dell’Anno Premio della Critica Teatrale e Premio per le Maschere del Teatro, è infatti lo spettacolo italiano più visto a livello globale con tournée in tutti i continenti. Attualmente in tour Europa, ritorna in Italia proprio a Novara

«Il Macbeth di Shakespeare recitato in sardo e, come nella più pura tradizione elisabettiana, interpretato da soli uomini – racconta il resgista, Alessandro Serra -. L’idea nasce nel corso di un reportage fotografico tra i carnevali della Barbagia. I suoni cupi prodotti da campanacci e antichi strumenti, le pelli di animali, le corna, il sughero. La potenza dei gesti e della voce, la confidenza con Dioniso e al contempo l’incredibile precisione formale nelle danze e nei canti. Le fosche maschere e poi il sangue, il vino rosso, le forze della natura domate dall’uomo. Ma soprattutto il buio inverno. Sorprendenti le analogie tra il capolavoro shakespeariano e i tipi e le maschere della Sardegna. La lingua sarda non limita la fruizione ma trasforma in canto ciò che in italiano rischierebbe di scadere in letteratura. Uno spazio scenico vuoto, attraversato dai corpi degli attori che disegnano luoghi e evocano presenze. Pietre, terra, ferro, sangue, positure di guerriero, residui di antiche civiltà nuragiche. Materia che non veicola significati, ma forze primordiali che agiscono su chi le riceve».

Macbettu va in scena al Teatro Faraggiana martedì 14 e mercoledì 15 settembre alle 20.45. Info e biglietti su sito del Teatro

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *