Appalto pulizie in Asl e ospedale: a fine novembre la prima verifica

«Al momento la situazione fra gli addetti è tranquilla, ma ricordiamo che Markas ha vinto la gara con un ribasso del 30% – afferma Mattia Rago di Fisascat Cisl – Restiamo del parere che prima di far entrare in operatività il nuovo appaltatore sarebbe stato meglio attendere la sentenza del Consiglio di Stato, attesa per il 9 dicembre»

Pulizie in Asl e ospedale: a fine novembre la prima verifica sull’organizzazione del lavoro per un appalto controverso, su cui la Cisl ha presentato un esposto in Procura. «Un momento importante – afferma Mattia Rago di Fisascat Cisl – perché l’azienda che l’ha ottenuto dovrà capire se è effettivamente sostenibile. Al momento, dopo un mese di operatività da parte della nuova azienda, la situazione fra gli addetti è tranquilla, ma ricordiamo che Markas ha vinto l’appalto con un ribasso del 30%, che abbiamo criticato sin da subito. Potrebbe rimanere tutto com’è ora, oppure potrebbero esserci dei tagli, sul lavoro o sui prodotti utilizzati. O magari, al contrario, potrebbe decidere di aumentare le ore lavoro».

I nuovi contratti sono diventati operativi a ottobre, dopo che Scr – che aveva indetto la gara per conto della Regione – aveva fatto pressione sulle Asl di tutti i territori interessati dall’appalto (leggi qui) perché siglasse l’accordo con Markas. Il sindacato di base Usb aveva parlato di «contratti capestro» e chiesto l’intervento dell’Ispettorato del lavoro. «I lavoratori li hanno firmati con diritto di riserva sulla fascia oraria – spiega Rago – per tutelarsi sul mantenimento del monte ore settimanale». Nei giorni scorsi nel Vco, che rientra in un altro lotto dell’appalto, la firma dei contratti è saltata proprio perché non riportava gli orari di lavoro.

Ma c’è un altra “spada di Damocle” che pende sull’appalto: la sentenza del Consiglio di Stato, attesa per il prossimo 9 dicembre, in cui dovrà esprimersi sul ricorso di Dussmann che ha chiesto l’annullamento della gara e la sua riedizione. «Restiamo del parere che prima di far entrare in operatività il nuovo appaltatore sarebbe stato meglio attendere questo pronunciamento – conclude Rago – Se dovesse dare ragione a Dussmann cosa potrebbe accadere?».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL