Ad Amazon primo giorno di lavoro per quasi 300 persone

L'ad Italia Logistica Schembri Volpe: «Centro green, il magazzino di Novara è stato scelto per ospitare un progetto pilota che lo rende totalmente plastic free»

Ad Amazon primo giorno di lavoro per quasi 300 persone. Il centro logistico del colosso per la vendita online, situato accanto all’uscita A4 di Novara Ovest, ha ufficialmente aperto i battenti alle 8 di questa mattina (6 settembre), divenendo di fatto la quinta sede presente in Piemonte, oltra ai due centri di distribuzione a Vercelli e Torrazza Piemonte, al deposito di smistamento a Brandizzo e al centro di sviluppo per l’intelligenza artificiale a Torino. Su Novara Salvatore Schembri Volpe, Amministratore Delegato di Amazon Italia Logistica ha confermato la volontà di arrivare a «900 posti di lavoro a tempo indeterminato nei prossimi anni in un ambiente professionale sicuro e positivo».

I nuovi assunti hanno iniziato dalla «formazione sulla sicurezza, capitolo di spesa per cui Amazon lo scorso hanno ha investito 9 milioni di euro, anche in termini di miglioramento dei processi». Schembri Volpe ha anche ricordato che «Amazon ha investito 150 milioni di euro per la creazione del centro di Novara, ritenuto strategicamente fondamentale. Un centro alimentato a fotovoltaico e che ha ottenuto la certificazione green grazie ai consumi a basso impatto ambientale, sia durante le fasi di costruzione che nella successiva operatività». Inoltre il magazzino di Novara è stato scelto per ospitare «un progetto pilota che lo rende totalmente plastic free, che verrà poi esteso anche alle altre sedi».

«Per noi sono importantissime il rispetto dell’ambiente e il dialogo con la comunità e il territorio ospitante. Ci auguriamo una collaborazione fattiva da oggi», ha sottolineato Alessandro Alberici, Site Leader del centro di distribuzione di Novara, parlando alla platea di autorità locali e rappresentanti delle associazioni di categoria.

«Questa nuova presenza è una grande opportunità per la città – ha commentato il sindaco Alessandro Canelli – Siamo già al lavoro con la Sun in favore della mobilità dei dipendenti, per istituire una navetta». Fra i progetti futuri anche la creazione di «una piccola stazione sulla linea ferroviaria Novara-Biella» e «l’installazione di attrezzature sportive per la cittadinanza all’interno del Parco Nord».

«In Piemonte 9 aziende su 10 sono Pmi e poi ci sono i grandi marchi – ha aggiunto l’assessore regionale all’Innovazione Matteo Marnati – Apprezzo l’attenzione all’ambiente ed è importante far stare bene la gente, a partire da chi ci lavora, garantendo anche la loro sicurezza. Ci sono tanti finanziamenti europei che possono portare sviluppo e opportunità sul territorio».

Canelli e Marnati hanno poi simbolicamente celebrato il taglio del nastro con la consigliera Michela Leoni, intervenuta in rappresentanza della Provincia di Novara. Accompagnate dal personale, le autorità hanno poi svolto un tour guidato dello stabilimento. Di seguito la fotogallery.

Leggi anche

«Un’avventura partita due anni fa, oggi vendiamo per il 90% su Amazon» – La Voce Novara e Laghi (lavocedinovara.com)

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *