Dormelletto, per fuggire ai Carabinieri minorenne muore sotto il treno

La tragedia questa notte dopo l'una lungo i binari della Milano - Domodossola. A perdere la vita un ragazzino di nazionalità marocchina. Fermato dai militari un uomo, risultato irregolare, che era insieme a lui

Tragedia poco dopo l’una di questa notte a Dormelletto. Un ragazzino di nazionalità marocchina, per sottrarsi a un’operazione di controllo da parte dei Carabinieri nei pressi della stazione di Dormelletto, ha cercato una via di fuga lungo i binari della linea Milano – Domodossola, finendo per non accorgersi di un treno merci che stava sopraggiungendo proprio in quel momento. Nonostante il disperato tentativo di frenata da parte del macchinista, il convoglio investiva il giovane. A nulla sono valsi i soccorsi da parte del personale del 118 giunto sul posto: lo sfortunato ragazzino era praticamente deceduto all’istante.


Sull’esatta dinamica della tragedia ha aperto un fascicolo la Procura di Verbania, competente per territorio. Secondo una prima ricostruzione, subito dopo la mezzanotte due segnali d’allarme erano scattati per altrettanti tentativi di furto in una sala slot e in una farmacia della zona. Nei pressi della stazione di Dormelletto giungevano i Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Arona. I militari notavano subito un paio di persone, ma alla loro vista i due avrebbero cercato di fuggire. Mentre il primo veniva immediatamente bloccato, il secondo si sarebbe diretto verso i binari, trovando così la morte sotto un treno.


Al vaglio degli inquirenti ci sarebbe al momento unicamente la posizione dell’uomo fermato, anche lui nordafricano, la cui presenza sul territorio italiano risulterebbe irregolare. Inoltre sono in corso accertamenti per stabilire se gli episodi segnalati dagli allarmi sono riconducibili ai due. In quesro caso il fermo potrebbe trasformarsi in arresto in flagranza.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni