Viale Giulio Cesare al buio. L’assessore Zoccali: «Già provveduto a individuare il problema»

Diverse segnalazioni di cittadini hanno lamentato l'assenza di illuminazione in un tratto dell'importante arteria. Per l'esponente della giunta si sta studiando anche un piano di revisione nell'ambito di un risparmio energetico

Viale Giulio Cesare (e non solo) letteralmente al buio, in almeno un tratto dell’importante arteria che mette in comunicazione, a ovest come a est, due fondamentali snodi cittadini. A segnalarlo sono stati negli ultimi giorni diversi novaresi, allarmati dalla pericolosità di una strada – teatro negli ultimi tempi di sinistri anche mortali – sempre molto trafficata.


Le immagini che proponiamo sono state scattate lunedì sera all’altezza dell’intersezione con via Torelli, lunga strada che mette in comunicazione la parte più centrale della città (viale Roma) con la periferia meridionale. Diversi “punti luce” non risultavano funzionanti e solo la presenza di un paio di stazioni di servizio rendeva meno tetro il paesaggio; ma ai lati della carreggiata, soprattutto verso nord dove è presente anche una ciclabile, avventurarsi a piedi risultava molto problematico.


«Come amministrazione abbiamo ricevuto anche noi questo tipo di segnalazione – ha detto l’assessore ai Lavori pubblici Rocco Zoccali – e ci siamo immediatamente attivati. La Sicur Impianti, ditta incaricata, ha provveduto a individuare il problema, rappresentato da un vero e proprio “interruttore” che gestisce l’illuminazione lungo il viale Giulio Cesare, provvedendo a “riarmarlo” visto che risultava spento. Anzi, per tentare di ridurre futuri disservizi, si è decisa una sua sostituzione, visto che risultava piuttosto datato».


Quello della pubblica amministrazione, con lampioni funzionanti e non magari nella stessa strada, è un problema che in città si trascina forse da decenni. Una situazione originata dalla particolare situazione esistente, che vede il Comune “gestire” in proprio non tutti i cosiddetti “punti luce”, mentre altri sono in capo a una società del gruppo Enel. Già ai tempi dell’amministrazione Ballaré l’allora vicesindaco Nicola Fonzo, nelle vesti di titolare della delega ai Lavori pubblici, aveva cercato di trovare un rimedio. Facile a dirsi, decisamente più complicato il procedere, ma ora, per Zoccali, «cercheremo di trovare una soluzione, anche in ottica di un più generale progetto di risparmio energetico».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni