Via Goito: sei mesi dopo cantiere ancora al palo. L’ultimo inquilino non vuole traslocare

Nella via è comparso un ponteggio di grandi dimensioni per cui è stato necessario istituire il divieto di sosta. «Qui in zona diversi edifici non hanno garage, perciò posteggiamo in strada – spiegano alcuni residenti – Il divieto occupa parecchio spazio e dopo l'installazione del ponteggio non ci ha più lavorato nessuno»

Via Goito: sei mesi dopo cantiere ancora al palo, l’ultimo inquilino che non vuole traslocare. Vi avevamo raccontato questa vicenda a inizio anno (leggi qui). A luglio nulla è cambiato: la ristrutturazione completa della casa popolare al civico 3 non è ancora iniziata, perché l’ultimo nucleo familiare rimasto sembra non volerne sapere di traslocare. Non solo, nella via nel frattempo è comparso un ponteggio di grandi dimensioni per cui è stato necessario istituire il divieto di sosta. «Qui in zona diversi edifici non hanno garage, perciò posteggiamo in strada – spiegano alcuni residenti – Il divieto di sosta occupa parecchio spazio e nel cantiere, dopo l’installazione del ponteggio, non ha più lavorato nessuno».

L’intervento fa parte del Bando periferie: un appalto da 7 milioni di euro, in cui rientrano anche il recupero dell’ex serra di via Sforzesca con la creazione di nuovi alloggi residenziali e la ripavimentazione di piazza Pasteur. L’intero pacchetto è stato affidato nel 2020 tramite gara alla Notarimpresa, che a ridosso delle scorse festività natalizie aveva iniziato ad allestire il cantiere nel cortile interno. «A inizio giugno – spiega la società – abbiamo installato anche i ponteggi esterni, perché sembrava si potesse partire con i lavori». Ma la situazione è invece rimasta nel limbo. L’ultima famiglia rimasta non sembra ancora essere intenzionata a traslocare. Va detto che il Comune, già un anno fa, aveva avviato un dialogo con i residenti della palazzina popolare, proponendo nuove alternative abitative.

A gennaio l’assessore ai Lavori pubblici Mario Paganini dichiarava: «Ci sono stati sicuramente dei ritardi sui traslochi dovuti al Covid – ammette l’assessore ai Lavori pubblici Mario Paganini – E c’è ancora una persona con cui stiamo cercando un accordo. Purtroppo, nonostante le siano state offerte diverse soluzioni, sinora le ha rifiutate tutte. La nostra speranza è di riuscire a trovarne una condivisa nel più breve tempo possibile, per poter dare la possibilità all’impresa di terminare l’allestimento del cantiere e partire con i lavori in sicurezza». Speranza che sinora è rimasta disattesa.

«Attendiamo comunicazioni dal Comune, che sappiamo sta seguendo la situazione, anche monitorando i tempi – aggiungono da Notarimpresa – Al momento quelli previsti dal cronoprogramma sono ancora rispettati (trattandosi di un’opera legata a un appalto pubblico, prevede un termine entro cui va realizzata, ndr). La durata dei lavori è fissata in due anni, per cui ci siamo, ma più si va in là con i tempi…».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni