Un’impronta incastra topo d’appartamento

Un paio di impronte, quella del palmo della mano e dell’indice della mano sinistra, lasciate sul davanzale di una finestra del pianerottolo di un condominio da dove il ladro era passato per raggiungere un balcone che gli aveva permesso di introdursi in un appartamento dove aveva messo a segno un furto di vari preziosi e oggetti di valore. Tutto era accaduto lo scorso febbraio in centro città. Durante il sopralluogo gli agenti della Scientifica avevano individuato quelle impronte e da lì era partita l’indagine per verificare se potessero portare a qualche persona già “conosciuta”.

 

 

Ed è stato così che gli agenti sono arrivati ad identificare, e denunciare, un minorenne di origini slave, già destinatario di varie denunce per furti aggravati ed altri reati, sempre contro il patrimonio, commessi in varie città del nord Italia, tra cui Venezia, Padova e Rovigo.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni