Garbagna: deposito illecito di rifiuti, una denuncia

Trecento metri cubi di rifiuti misti (ferro, plastica, legno e vetro), tutto materiale proveniente da opere di demolizione e ristrutturazione edilizia, depositati in modo incontrollato all’interno di una proprietà privata nel territorio del comune di Garbagna Novarese, sono stati trovati dai carabinieri delle stazioni forestali di Borgolavezzaro e Novara durante un normale servizio di controllo del territorio. Il proprietario dell’area, residente a Garbagna, è stato denunciato alla Procura della Repubblica per l’ipotesi di reato di illecito smaltimento e deposito incontrollato di rifiuti e l’area è stata sottoposta a sequestro d’iniziativa, provvedimento convalidato nei giorni scorsi.

 

 

«In questi giorni – fanno sapere dal comando – le attività di pattugliamento e la presenza sul territorio sono state notevolmente potenziate per  assicurare il pieno rispetto delle misure di contenimento contro la diffusione del Covid 19 e, nel contempo, per evitare che, approfittando di una minore presenza sul territorio dei cittadini, possa essere agevolata la commissione di reati contro il patrimonio ambientale. Dall’inizio di questo periodo di emergenza sanitaria si tratta del quarto provvedimento di sequestro giudiziale assunto in concomitanza ad altrettanti casi di violazione ambientale accertata».

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni