Una “super cella” si è abbattuta su Novara: nubifragio per il secondo giorno consecutivo

Dopo il nubifragio di ieri, come previsto anche oggi un fortissimo rovescio temporalesco si è abbattuto sul territorio di Novara. Un fenomeno formato da quella che in termini tecnici si chiama “super cella” dovuta a una particolare conformazione che pesca aria calda e la ributta freddissima con venti che hanno raggiunto anche i 70/80 chilometri orari in alcune zone.

La pioggia è stata molto violenta anche se con poca grandine. Il temporale è stato originato dall’astigiano e dal vercellese e, come ieri, ha colpito in maniera molto forte anche il novarese

Sono caduti 26 litri di acqua al metro quadrato, e la temperatura è crollata a 16 gradi ben sotto la media di stagione. Il fresco si farà sentire stanotte con temperature fino a 13 gradi e nelle zone di campagna non sono esclusi banchi nebbiosi.

La buona notizia è che non sono previsti altri fenomeni nei prossimi giorni.

[ph La Voce di Novara]

Leggi anche

Tromba d’aria al Torrion Quartara: tetti scoperchiati, alberi sradicati, case allagate

Maltempo, gravi danni a Trecate: chiusi parchi ed edifici

Danni maltempo: la Provincia chiede alla Regione lo stato di emergenza


Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Fabrizio Cerri

Fabrizio Cerri

Fabrizio Cerri. Novarese da generazioni, 25 anni, ambientalista- Chimico di istruzione e laureato presso la facoltà di economia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni