Un appello al presidente Mattarella per salvare Ahmad

Un appello al presidente Mattarella per salvare Ahmad. È l’ennesimo, disperato tentativo per cercare di strappare al braccio della morte Ahmad Djalali, il ricercatore iraniano ha lavorato presso la sede novarese dell’Università del Piemonte Orientale ed il centro d’eccellenza CRIMEDIM (Centro di Ricerca in Medicina d’Emergenza e dei Disastri) ingiustamente accusato di spionaggio e detenuto in Iran.

Una lettera inviata al presidente della Repubblica, al presidente del Consiglio dei Ministri, al ministro dell’Interno e al Ministro degli Esteri sotoscritta da AIGA Nazionale (Associazione Italiana Giovani Avvocati), AIGA Novara (Associazione Italiana Giovani Avvocati Sezione di Novara), Comune di Novara, Amnesty International Italia, Crimedim (Centro di Ricerca in Medicina d’Emergenza e dei Disastri), Università del Piemonte Orientale e FIDU (Federazione Italiana dei Diritti Umani) che hanno chiesto la concessione della cittadinanza al medico iraniano per gli importanti servizi resi alla Patria.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni