Sotto sequestro il cavalcavia 25 Aprile. Il sindaco: «Atto dovuto che non blocca la programmazione»

Dopo aver aperto un fascicolo contro ignoti in seguito al crollo del terrapieno del cavalcavia 25 Aprile lo scorso 9 ottobre, ora la Procura ha proceduto al sequestro del viadotto. «Un atto dovuto che attendevamo e fa parte dell’iter, ma che non influirà sulle tempistiche della nostra programmazione – spiega il sindaco, Alessandro Canelli -. Le indagini commissionate dal Comune a professionisti esterni sono terminate e stanno arrivando i primi esiti esiti; ora la Procura procederà con i propri rilievi, ma nel frattempo possiamo proseguire con la progettazione».

«Le indagini geotecniche confermano che il cavalcavia è stato costruito su un terreno argilloso che però non è stato individuato come causa del cedimento» aggiunge l’assessore ai Lavori Pubblici, Rocco Zoccali.

Nel cronoprogramma del Comune resta come prioritario l’intervento sul ponte del Terdoppio: «L’idea è quella di realizzare una struttura provvisoria a fianco di quella esistente – ribadisce ancora una volta il primo cittadino – in modo da continuare a consentire il senso unico alternato. Una volta che l’attuale ponte sarà demolito, quello provvisorio verrà ampliato con una seconda corsia e diventerà definitivo».

Leggi anche

Prove geotecniche sul cavalcavia 25 Aprile. Il ponte del Terdoppio sarà abbattuto e ricostruito

Un milione e mezzo di euro per il nuovo ponte del Terdoppio

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni