Prelevavano acqua dall’Agogna per irrigare piantagione di stupefacenti. Arrestato un 42enne

L'uomo era inoltre in possesso di 20 kg di stupefacenti in essicazione

Il Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Novara, nel corso di attività preventiva antidroga nel territorio e, in questo particolare periodo di siccità ambientale, nel mirato controllo dei flussi di acqua e dei canali di derivazione necessari all’irrigazione delle colture novaresi, hanno scoperto un prelievo abusivo di acqua dal torrente “Agognate”.

A commettere il crimine un cittadino albanese di 42 anni il quale è stato arrestato all’interno della sua “tenuta agricola” dove costudiva, oltretutto, lo stoccaggio e l’essicazione di una parte del precedente raccolto, costituito da grappoli di infiorescenza di marijuana, per un peso complessivo di oltre 20 kg. Oltre all’arresto l’uomo si vedrà addebitare anche pesanti sanzioni amministrative per il prelievo fraudolento dell’acqua dal torrente e per l’abbandono di rifiuti.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL