Cronaca In città

Piazza Donatello esempio di cittadinanza partecipata

Le aree intorno al centro polifunzionale si sono trasformate in un giardino e in un orto comunitario grazie all'accordo firmato tra Arogà Donatello e i residenti

La rete di Agorà Donatello e un gruppo di abitanti dei palazzi della Rizzottaglia hanno firmato un accordo di collaborazione per proseguire con le iniziative di cura del verde dello spazio che circonda il centro polifunzionale di piazza Donatello. Due aiuole che da questa estate si sono trasformate in un giardino e in un rigoglioso orto comunitario grazie all’impegno e al pollice verde di tanti residenti del quartiere. Ma le idee per migliorare l’area non si fermano qui.

La firma dell’accordo di collaborazione è avvenuta durante il primo dei nuovi appuntamenti con i Sabato Agorà – incontri per cittadini, volontari e associazioni a cura della rete Agorà Donatello – che sono tornati ad animare il centro polifunzionale di piazza Donatello sabato 3 ottobre dopo i mesi di stop forzato imposti dalle normative anti Covid-19.

«La pandemia – spiega Giacomo Balduzzi dello staff di Agorà Donatello – ha imposto il blocco di tutte le attività del centro polifunzionale. Eravamo preoccupati su come sarebbe stata la ripresa, quando un gruppo di residenti si è presentato in maniera spontanea e letteralmente ha fatto rifiorire la nostra area verde».

 

 

Un supporto importante quello del gruppo di cittadini come sottolinea il presidente della rete di Agorà Donatello, Enrico Zaninetti: «La presenza quotidiana dei residenti è anche una fonte di controllo. Speriamo in futuro di poter fare ancora di più magari rendendolo un parchetto recintato». Le idee non mancano, come dimostrato dai residenti Giuseppe Di Stefano e Valter De Santi che dicono: «Sarebbe bello creare altre aree del genere ma anche campetti per i ragazzi e una zona recintata per i cani. Ci sono tanti spazi nel quartiere che sono abbandonati e che potrebbero essere utilizzati meglio».

Maurizio Genoni, tesoriere dell’associazione Territorio e Cultura Onlus ricorda: «Il recupero dell’ex consultorio è stato uno dei progetti più importanti della nostra associazione. Ma il successo delle iniziative si misura anche nel dopo, quando le cose vanno avanti, come in questo caso». L’importanza della collaborazione è stata evidenziata da Roberto Gazzola, presidente del circolo Legambiente – Il Pioppo, che per primo aveva migliorato l’area verde intorno al consultorio grazie al progetto “Adotta un albero”: «Siamo convinti che il futuro del verde urbano passi proprio dal coinvolgimento dei cittadini».

Questo slideshow richiede JavaScript.

La collaborazione si inserisce nella cornice del Progetto GAD – GenerAzioni Donatello, nato per volontà dell’Associazione Territorio e Cultura con il sostegno di Fondazione Cariplo e Fondazione Comunità del Novarese, allo scopo di consolidare e sviluppare l’esperienza di recupero dell’ex consultorio di Piazza Donatello. All’interno del centro polifunzionale sono attualmente ripartite le attività del CAF-Patronato gestito da EPAS (Ente di Patronato e di Assistenza Sociale), dello sportello di tutela consumatori gestito da Tutelattiva e del servizio di aiuto compiti e sostegno psicologico a cura di Attivalamente e… il corpo.

L’intento di allargare la rete di legami nata intorno alla struttura a partire dall’iniziativa e dalle risorse dei cittadini e delle associazioni prosegue e guarda anche oltre i confini del quartiere Rizzottaglia. E’ allo studio infatti un ampio progetto che, sotto l’egida del Comune, colleghi le iniziative presenti in diverse aree di Novara al fine di valorizzare ulteriormente le periferie urbane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati