Novara ricorda Sandro Bertona e gli intitola una rotatoria

Un grigio cielo autunnale ha fatto da cornice all’intitolazione della rotatoria del PalaIgor a Sandro Bertona, lo storico presidente del gruppo Scorpion Novara scomparso nel 2018. La cerimonia di stamattina, sabato 31 ottobre, ha visto la presenza di un centinaio di persone tra famigliari, amici e colleghi del pioniere della protezione civile novarese, nonché primo presidente del gruppo Nuares.it.

A inaugurare la commemorazione è stato il sindaco di Novara Alessandro Canelli. «L’alto numero di presenti a questa cerimonia – ha dichiarato – conferma l’affetto e la gratitudine che ancora oggi la città dimostra per Sandro che per anni si è distinto per le sue doti umane e i principi, ponendosi sempre al servizio dei novaresi. Il Comune si è immediatamente attivato per dare seguito alle richieste di famigliari e amici, affinché il padre della protezione civile novarese venisse adeguatamente ricordato. Questa area è un luogo simbolico perché lo storico presidente del gruppo Scorpion è cresciuto proprio in questo quartiere».

Il sindaco ha chiuso il suo intervento lodando il lavoro della protezione civile, sempre in prima linea anche in questo delicato momento storico. «Sono certo che Sandro sarebbe, anzi è, orgoglioso degli sforzi che state compiendo tutti voi» ha concluso.

I nipoti di Bertona hanno successivamente svelato la targa toponomastica, a cui è seguito un lungo e commosso applauso. Ha poi preso la parola don Carlo Bonasio, parroco di Sant’Agabio, che prima della benedizione ha ricordato il legame tra Sandro e il quartiere, oltre che le straordinarie doti morali di un uomo che ha saputo unire la comunità e mettersi sempre al servizio dei bisognosi.

Al termine della cerimonia sono stati lanciati in cielo dei palloncini gialli e blu, i colori della divisa della protezione civile di cui il gruppo Scorpion è parte integrante e fondamentale.

 

 

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: