Mortale a Landiona: la vittima lascia moglie e due figli piccoli

Domi Arian, di soli 40 anni, era di origine albanese ma da anni residente a Vicolungo. Il sindaco Marzia Vicenzi: «Era un gran lavoratore e mi spiace moltissimo per lui, per la moglie e per i due figli piccoli che ha lasciato, così a pochi giorni dal Natale. Faremo in modo di aiutarli»

Mortale a Landiona: la vittima è Domi Arian di soli 40 anni, di origine albanese ma da anni residente a Vicolungo. L’incidente in cui ha perso la vita è avvenuto attorno alle 20 di ieri (22 dicembre) a Landiona. L’uomo, dipendente di un’impresa edile di Carpignano Sesia, stava rientrando a casa dal lavoro. L’incidente, infatti, è avvenuto sulla strada che collega Carpignano a Landiona. L’Audi su cui viaggiava il quarantenne si è schiantata contro il muro di una casa all’angolo fra via Roma e via Sesia.

La notizia della sua tragica morte si è sparsa rapidamente nella Bassa. «Era un gran lavoratore e mi spiace moltissimo per lui, per la moglie e per i due figli piccoli che ha lasciato, così a pochi giorni dal Natale – commenta il sindaco di Vicolungo Marzia Vicenzi piuttosto scossa – Sono stata a far loro visita nel pomeriggio, è stato pesante. Ma faremo in modo di aiutarli».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni