La scuola ha ripreso in presenza. Contagi sotto controllo ma destinati a salire

Principali difficoltà causate dalla doppia didattica: in presenza per gli alunni in classe, a distanza per chi è in isolamento

Il dibattito sulla ripresa della scuola non si placa, anche dopo la conferenza stampa di questa sera, 10 gennaio, durante la quale il presidente del Consiglio Mario Draghi ha ribadito che «la scuola in presenza è fondamentale per la democrazia: va tutelata, protetta, non abbandonata». E poi ha rivolto un rigraziamento «gli insegnanti e ai genitori per gli sforzi di oggi, delle prossime settimane e dei prossimi mesi». Il ministro all’Istruzione Pastrizio Bianchi, invece, ha ricordato che «il 99% del personale docente ha deciso di vaccinarsi. A oggi gli insegnanti assenti perché positivi o in quarantena sono il 6%, gli studenti il 4,5%».

Anche sul territorio novarese questa mattina la scuola ha ripreso le lezioni in presenza, non senza alcuni disagi causati principalmente dalla doppia didattica: in presenza per gli alunni in classe, a distanza per chi è in isolamento. «Questa mattina i nostri tecnici erano in istituto già alle 7.15 per fare in modo che tutto funzionasse – racconta la dirigente soclastico del liceo scientifico Antonelli, Silvana Romeo -. Attualmente la situazione è abbastanza sotto controllo: 3 insegnanti in quarantena, 2 collaboratori scolastici e 50 studenti su 894. Negli ultimi cinque giorni abbiamo ricevuto tantissime segnalazioni da parte delle famiglie; la Dad, però, viene concessa solo a chi è effettivamente in isolamento perchè positivo o ha avuto contatti stretti e dietro presentazione di certificazione medica».

Stessa cautela sulla Dad viene adottata dalla liceo classico Carlo Alberto: qui la situazione dei contagi tra gli alunni è piuttosto critica: 250 su quasi 900 alunni; pochi gli insegnanti in isolamento solo 7 su 100.

All’istituto tecnico Omar le cose vanno meglio: 80 gli alunni in quarantena su 1600, 17 gli insegnanti su 170.

La situazione dei contagi è, comunque, destinata a peggiorare, in modo particolare nella scuole elementari e medie dove ci sono ancora pochi vaccinati. Tra una settimana si avrà un quadro più preciso.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni