La colf ha ucciso Amicucci con più di 10 coltellate, secondo i vicini mai nessuna lite prima

Gli inquirenti vogliono capire se si sia trattato di legittima difesa o se la donna abbia infierito sul pensionato ormai inerme. Le risposte arriveranno dall'autopsia, che potrebbe essere eseguita già lunedì

La colf Mide Ndreu ha ucciso Antonio Amicucci con più di 10 coltellate. A distanza di poco più di 48 ore dal delitto di via Andoardi, ciò che preme verificare ai carabinieri del Reparto operativo è il numero esatto di colpi e la modalità con cui sono stati inferti. Le risposte arriveranno dall’autopsia, che potrebbe essere eseguita già lunedì 29 novembre; per quel giorno è infatti fissato l’affidamento dell’incarico al medico legale.

Mide Ndreu ha subito confessato il delitto, dopo aver atteso i carabinieri a casa di una vicina di pianerottolo di Amicucci. Davanti al sostituto procuratore Giovanni Castellani si è giustificata dicendo di avere reagito di fronte a pesanti avances sessuali. Ma gli inquirenti vogliono capire se si sia trattato di legittima difesa o se la donna abbia infierito sul pensionato ormai inerme. Tramite l’autopsia si vuole riuscire a comprendere se il 68enne fosse in piedi davanti a lei, seduto o magari sdraiato a terra mentre gli venivano inferte le coltellate letali. Sul corpo del pensionato ci sarebbero anche segni che indicherebbero una postura di difesa.

Subito dopo la fuga della colf, Amicucci è riuscito a chiamare il 112. Nella telefonata, durata solo pochi secondi, ha detto: «Aiutatemi sto male, mi hanno accoltellato». Dopodiché la linea è caduta, ma nel frattempo altri vicini avevano chiamato il numero d’emergenza; compresa la donna da cui si era rifugiata Mide Ndreu.

La vicina è stata sentita dai carabinieri, così come un altro inquilino che vive sullo stesso pianerottolo: entrambi hanno riferito che non c’erano mai state altre liti violente fra Ndreu e Amicucci. In tal senso sembrerebbero quindi vacillare le dichiarazioni della colf, secondo cui il pensionato si era invaghito di lei e avrebbe preteso delle prestazioni sessuali sempre più insistentemente. Situazione che la donna ha descritto come ossessiva, tuttavia non aveva mai smesso di presentarsi a casa di Amicucci una volta a settimana per fargli le pulizie. Inoltre, da quanto risulta, suo figlio si prendeva anche cura del pastore maremmano del pensionato – l’animale dopo il delitto è stato affidato all’Enpa e portato al canile di via del Gazurlo – in quanto Amicucci aveva problemi di salute e usciva ormai molto di rado.

Nei giorni scorsi si è parlato anche dei suoi precedenti penali. A suo carico risulta una condanna nel 2004 a 10 mesi per molestie all’ex moglie e alle figlie, che non ha scontato in carcere. Si tratterebbe di una vicenda legata alla separazione, avvenuta in modo piuttosto burrascosa fra i due ex coniugi. Successivamente risultano altri piccoli reati.

Per il momento Mide Ndreu resta detenuta nel carcere di Vercelli. Questa mattina si è tenuta l’udienza di convalida, ma il Gip si è riservato fino a domani mattina la decisione sia di convalida dell’arresto sia sulla misura cautelare.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni