Investito in stazione: «Grazie a chi mi ha soccorso»

Sta bene l’uomo che è stato investito nella giornata di venerdì 17 gennaio in stazione a Novara. L’uomo stava attraversando sulle strisce pedonali in stazione, quando un’auto lo ha centrato in pieno sbalzandolo di tre metri.

 

 

«Abito a Vercelli ma vengo a Novara in treno per andare poi a giocare al circolo del tennis di Garbagna Novarese, – racconta l’uomo – mi trovo con un amico in un bar vicino alla stazione e poi andiamo. Venerdì ho attraversato come sempre, è un incrocio un po’ pericoloso, ma ero sulle strisce. L’auto stava arrivando e chi era al volante stava guardando a destra, ma non a sinistra. Sono riuscito a mettere le mani sul cofano dalla vettura e poi sono stati sbalzato via». L’uomo aveva il bosone con le racchette e forse lo ha un po’ aiutato nell’attutire il colpo, ma si è procurato una ferita al sopracciglio. «Sono stato aiutato da tante persone, che mi hanno tenuto tranquillo e fatto sedere. In modo particolare una signora mi ha tamponato la ferita, il sangue usciva senza controllo. Ecco mi piacerebbe poter mettermi in contatto con lei per ringraziarla. E ci tengo a ringraziare anche i soccorsi e il pronto soccorso di Novara per il trattamento». L’uomo deve rimanere a riposo per un po’ di giorni, per il suo sopracciglio tre punti di sutura.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni