Il vescovo invita a pregare nelle messe di domenica per la pace in Ucraina

Mons. Franco Giulio Brambilla chiede ai novaresi anche «vicinanza alla numerosa comunità ucraina presente in diocesi». E rilancia l'appello del papa alla preghiera e digiuno mercoledì 2 marzo

«Invito le nostre comunità a pregare per tutte le popolazioni coinvolte nel conflitto, durante le messe di domenica prossima, 27 febbraio, invocando il Signore per la pace in Ucraina». E’ l’appello lanciato da mons. Franco Giulio Brambilla in una breve comunicazione alla diocesi.

«Questa mattina – scrive il vescovo – abbiamo appreso dell’avvio dell’attacco delle forze armate russe all’Ucraina. Gli scambi diplomatici e le tensioni al confine tra i due Paesi, che abbiamo seguito in queste ultime settimane con così tanta apprensione, si sono dunque tramutate in una guerra aperta sul campo».

Mons. Brambilla prosegue chiedendo ai fedeli novaresi che «la nostra preghiera sia anche un segno di vicinanza alla numerosa comunità ucraina presente in diocesi e alla parrocchia della Natività di Maria Vergine, presso la chiesa del Carmine a Novara, che appartiene all’Esarcato Apostolico per i fedeli cattolici ucraini residenti in Italia, ed è retta da don Yuriy Ivanyuta, che da tanti anni svolge il suo ministero nella nostra diocesi».

E conclude facendo suo l’appello proposto nei giorni scorsi da Papa Francesco a fare «del prossimo 2 marzo, Mercoledì della Ceneri, una giornata di digiuno e preghiera per la pace».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL