Il ruolo dei medici radiologi durante la pandemia. Se ne parla all’Upo

Gioveedì 23 e venerdì 24 settembre. Nella seconda giornata è atteso un intervento della ministra Maria Cristina Messa

Giovedì 23 e venerdì 24 settembre 2021 si terrà, a Novara (Campus Universitario Perrone), il convegno Covid Days, concepito per tracciare un bilancio di quanto fatto nei mesi più duri della pandemia, a livello diagnostico, di assistenza e di ricerca, dai medici radiologi impegnati in prima linea. L’evento è coordinato dai professori Alessandro Carriero e Marco Krengli dell’Università del Piemonte Orientale e dal professor Paolo Fonio dell’Università di Torino e prevede, per la giornata del 24 settembre (ore12:00), la partecipazione in streaming della ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa.

Covid Days è organizzato dall’Istituto di Radiologia dell’Università del Piemonte Orientale, attivo presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Maggiore della Carità” di Novara, e dalla Scuola di Specializzazione in Radiodiagnostica, diretti dal professor Alessandro Carriero. Vi prenderanno parte radiologi da tutta Italia che descriveranno l’evoluzione del contrasto alla pandemia e i risultati della ricerca attraverso la presentazione di numerosi studi scientifici pubblicati nei mesi scorsi.

I principali argomenti trattati saranno l’impatto iniziale della pandemia, il ruolo della radiografia e dell’ecografia toracica nella interstiziopatia, il ruolo della TC toracica, le capacità di prognosi dell’imaging, TC-PET, le complicanze relative a Covid-19 per ciò che riguarda il ruolo dell’imaging, la radioterapia e la sua evoluzione nell’era Covid, la didattica e la ricerca nel Day after Covid e il ruolo giocato dall’intelligenza artificiale nella lotta alla pandemia.

La ministra Maria Cristina Messa interverrà nella sessione del 24 settembre dedicata alla didattica e alla ricerca nel day after Covid. Il suo contributo sarà preceduto dall’introduzione del rettore dell’Università del Piemonte Orientale Gian Carlo Avanzi.

«Covid Days – spiegano gli organizzatori – è un evento culturale che vuole ascoltare e riflettere sull’apporto, in termini di ricerca, che tante Scuole del mondo radiologico italiano hanno prodotto in questo ultimo anno e soprattutto ascoltare i risultati delle ricerche che hanno consentito ai ricercatori Italiani di pubblicare contributi scientifici “di pregio”».

«Abbiamo visto tanti dei nostri Colleghi e Collaboratori cadere nelle varie fasi della pandemia. La nostra incredulità, di fronte a un nemico sconosciuto, ci ha imposto un percorso articolato nella necessità di disegnare iter diagnostici appropriati, di capire i vari quadri clinici – diagnostici, di cercare soluzioni per la quantificazione del danno, di identificare nuovi approcci mirati alla correlazione tra diagnosi e prognosi.»

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni