«Il nuovo ospedale va costruito per forza, quello attuale non è più adeguato. Restiamo tutti uniti»

Il direttore dell'azienda ospedaliera ha lanciato un appello alle forze politiche mentre il sindaco ha sollevato una preoccupazione sulle tempistiche

«Il nuovo ospedale va costruito per forza, quello attuale non è più adeguato a stare al passo con i tempi. Eventuali, future pandemie possono essere drammatiche. D’ora in avanti è necessario essere coesi per raggiungere lo stesso risultato: l’iter è complicatissimo e ogni eventuale interferenza può comportare anni di ritardo. Dobbiamo essere uniti per perseguire la stessa causa». Il direttore generale dell’azienda ospedaliera di Novara, Gianfranco Zulian, ha lanciato un accorato appello durante la commissione consigliare di ieri, 13 dicembre. Una seduta convocata per fare il punto della situazione, dopo che la gara d’appalto scaduta a settembre è andata deserta e, circa un mese fa, il Nucleo di valutazione del ministero della Salute ha approvato il nuovo project financing con un’integrazione che porta la cifra finale dai 320 milioni a 394 in seguito al riconteggio dei costi delle materie prime.

Da allora novità sostanziali non ce ne sono state: si resta in attesa che la commissione ministeriale esprima un parere dopodichè si potrà procedere con la pubblicazione del nuovo. «La relazione è stata consegnata venti giorni fa, ma ancora non sappiamo nulla – ha ricordato Zulian ai consiglieri -. Se la sollecitazione arrivasse da tutte le forze politiche, potremmo far capire che quest’opera è fondamentale non solo per Novara ma per tutto il territorio. Mi auguro che questo progetto possa essere considerato ancora appetibile: ci sono opere milionarie che si sono affacciate e le imprese in grado di occuparsi di questo genere di progetti non sono molte: se trascorre troppo tempo rischiamo di passare in secondo piano».

Per il momento la consegna dei lavori rimane fissata al 2026 – così come la progettazione e il canone che l’ospedale dovrà periodicamente versare all’investitore – ma su questo aspetto il sindaco Alessandro Canelli ha sollevato una preoccupazione politica: «Il rischio è che con il via all’iter di elezione del Presidente della Repubblica, i tempi per la convocazione del nucleo di valutazione di allunghino ulteriormente. Per questo motivo è strettamente necessario ottenere il via libera entro al fine dell’anno».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni