«Finiamola qua, sono un latitante». E viene arrestato

«Finiamola qua, sono un latitante». E viene arrestato. È successo nella giornata del 30 aprile nel quartiere San’Agabio quando due poliziotti in borghese hanno individuato una persona sospetta che si aggirava a piedi nella zona di via De Amicis.

L’hanno seguito e dopo averlo fermato per un controllo (il rispetto dei decreti governativi per limitare la diffusione del Covid-19) l’uomo ha dichiarato di essere sprovvisto di documenti e ha mostrato un’autocertificazione compilata solo parzialmente. Il suo comportamento, oltre che elusivo è apparso particolarmente inquieto, generando nei due agenti il sospetto che fosse pregiudicato.

 

 

L’uomo, incalzato dalle domande, ha così dichiarato: «Finiamola qua, sono un latitante». Dai controlli eseguiti, infatti, è risultato che si trattava di N. G., 53 anni, cittadino italiano di origine campana, condannato a oltre 9 anni di carcere per svariate rapine a mano armata, provvedimento emesso nel marzo di quest’anno ma che non è stato possibile eseguire in quanto l’uomo si era volontariamente reso irreperibile.

L’arrestato, residente nell’hinterland milanese, annovera numerosi precedenti penali e di polizia, vantando un curriculum criminale di notevole spessore: fin dal 2005 si è reso responsabile di furti di autoveicoli e rapine a mano armata in diversi istituti bancari della provincia di Milano, oltre a essere stato tratto in arresto per il reato di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni