Elettrostimolazione cardiaca: al Maggiore il primo intervento in Piemonte

Il trattamento per la cura delle aritmie è stato eseguito con uno strumento orientabile all’interno del cuore, con la tecnica definita «pacing hisiano»

Elettrostimolazione cardiaca: al Maggiore il primo intervento in Piemonte. Quattro pazienti che necessitavano dell’impianto di un pacemaker a causa di un battito cardiaco molto rallentato sono stati trattati, per la prima volta in Piemonte, nella Struttura di Cardiologia 1, diretta dal prof. Giuseppe Patti, dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Novara, mediante un dispositivo dedicato di ultima generazione, caratterizzato da una innovativa tipologia di stimolazione e fornito in anteprima all’Aou.

Il trattamento è stato eseguito dai medici Gabriele Dell’Era, Stefano Porcellini e Matteo Santagostino, con il supporto degli specializzandi e dell’equipe infermieristica e tecnica, con uno strumento, orientabile all’interno del cuore grazie a curvature dedicate e ad un apposito sistema di manipolazione, che consente di posizionare gli elettrodi del pacemaker per la stimolazione cardiaca con la massima precisione.

«Ne consegue – spiega Patti – che l’attivazione della contrazione del cuore può avvenire in maniera più fisiologica e ottimale, sfruttando le naturali vie di eccitazione. Tale tecnica, definita “pacing hisiano”, sta vivendo a livello internazionale una fase di grande sviluppo tecnologico. Questo intervento aggiunge un ulteriore tassello di modernità al già completo pannello di procedure di diagnosi e cura delle patologie aritmiche offerto da Cardiologia 1 dell’Aou».

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: