Cna: «Estetisti penalizzati, chiediamo di fare un passo indietro»

Cna: «Estetisti penalizzati, chiediamo di fare un passo indietro». L’ultimo Dpcm in vigore da oggi, venerdì 6 novembre, tra le numerose disposizioni, prevede la chiusura dei centri estetici nelle zone rosse, dunque anche tutto il Piemonte.

Una decisione che ha fatto discutere le associazioni di categoria: «Non riusciamo a capire perchè gli estetisti non possano continuare a lavorare come gli acconciatori – afferma Alessandro Valli, responsabile del settore benessere e sanità di Cna Piemonte Nord -. Quando c’è la stata la riapertura, dopo la prima pandemia, ho personalmente verificato almeno un centianio di centri estetici e posso dire che tutti hanno fatto investimenti per la sicurezza anti Covif ben superiore a quella che era stata richiesta. Questa è una discriminazione nei confronti di una categoria che, come tante altre, esce da un periodo pesantissimo, ha investito molto e ora si trova nuovamente penalizzata. A livello nazionale l’associazione ha chiesto al Governo di fare un passo indietro».

Secondo Valli anche gli acconciatori restano comunque penalizzati: «In seguito alle limitazioni negli spostamenti, i saloni per parrucchieri potranno essere frequentati solo da chi è residente in quello stesso Comune con una conseguente riduzione della clientela. Tutte condizioni che limitano l’attività, per questo motivi sono necessari contributi immediati».

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni