Case di riposo, al Pariani di Oleggio positivi 58 ospiti

Era lo scorso venerdì quando la Cgil aveva lanciato l’allarme per la situazione della casa di riposo Pariani di Oleggio: «Da tempo viene segnalato l’aumento delle criticità in struttura ma ad oggi nessuna comunicazione su quando partiranno i tamponi», aveva detto Paolo Del Vecchio, segretario generale Cgil Funzione Pubblica Novara Vco.  I tamponi, sugli ospiti, sono stati fatti martedì 14 e ieri sono stati comunicati gli esiti.

 

[the_ad id=”62649″]

 

«Sui circa 90 tamponi effettuati – annuncia il sindaco Andrea Baldassini – sono risultati positivi 58 ospiti. Mi sono confrontato con la direttrice e con il direttore sanitario del Pariani in merito alle condizioni di salute degli ospiti positivi: solo due mostrano sintomi evidenti, ma non gravi, e stanno attualmente seguendo la terapia direttamente in struttura. Tra gli altri, la maggior parte non mostra alcun sintomo, alcuni li hanno avuti nei giorni scorsi e sono del tutto scomparsi, mentre altri hanno una leggera sintomatologia. Ricordo che già dal 23 febbraio gli ospiti sono isolati l’uno dall’altro e il personale utilizza tutti i dispositivi di protezione individuale necessari. La diffusione è quindi molto alta ma, come sostiene anche il direttore sanitario, il fatto che molti siano asintomatici e altri superino il contagio senza particolari problemi può far pensare, ma soprattutto sperare, che il virus stia rallentando la propria pericolosità».

Ieri intanto sono iniziati i tamponi al personale della struttura, e proseguiranno oggi.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni