Abusiva con figlioletta sgomberata da una casa popolare rifiuta l’assistenza

Primo daspo urbano

Abusiva con figlioletta sgomberata da una casa popolare rifiuta l’assistenza. È accaduto nei giorni scorsi quando, su indicazione dell’Autorità giudiziaria, gli agenti del Nucleo Operativo della Polizia Locale di Novara hanno proceduto all’identificazione degli occupanti di 2 appartamenti di uno stabile, in condizioni precarie, nella zona della stazione ferroviaria.

Gli occupanti, tutti italiani di età compresa tra i 20 e 30 anni, sono stati indagati per occupazione abusiva ed hanno preferito liberare gli alloggi, i cui accessi sono stati chiusi dal gestore. Una degli occupanti aveva una figlia minore: la sua situazione è stata segnalata ai Servizi Sociali, nonostante la stessa avesse rifiuta l’assistenza offerta.

«Il fenomeno delle occupazioni abusive – dichiara l’assessore alla Sicurezza e Polizia Locale Raffaele Lanzo – riguarda, seppur in misura contenuta, anche la nostra città. Da tempo, la Polizia Locale di Novara collabora con ATC e Ufficio Case del Comune nel monitoraggio del fenomeno che riguarda principalmente gli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Un impegno e un controllo continuo, un’azione grazie alla quale le occupazioni abusive sono state fortemente limitate soprattutto negli ultimi tempi».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni