A Novara i primi due parti da donne covid positive

A Novara i primi due parti da donne positive al covid. In questi ultimi giorni hanno partorito all’ospedale Maggiore le prime due donne positive al coronavirus. I parti sono avvenuti senza complicanze e in entrambi i casi mamma e bambino stanno bene.

«Una donna, che nel precedente parto aveva effettuato un cesareo – spiega il dottor Alberto De Pedrini, responsabile del reparto di Ostetricia e Ginecologia – ha partorito spontaneamente una bambina mentre per l’altra paziente è stato necessario un cesareo (un maschio) ma per cause non correlate all’infezione da coronavirus».

 

[the_ad id=”62649″]

 

Continua De Pedrini: «Nelle scorse settimane abbiamo steso una procedura operativa con la quale sono stati definiti i percorsi delle donne covid positive che si ricoverano presso la nostra struttura per patologie della gravidanza o per partorire. È stato inoltre definito il percorso del neonato e la gestione dell’allattamento. Abbiamo allestito una sala parto dedicata separata dalle altre sale parto. Tutto ciò permette di garantire un parto sicuro alle future madri e ai loro bambini oltre che alle altre donne e a tutti gli operatori sanitari, medici, ostetriche e operatori socio-sanitari. E’ l’occasione per ringraziare tutti quanti hanno collaborato con grande partecipazione alla redazione della procedura integrando le attività di ostetriche, ginecologi, neonatologi ed equipe di sala operatoria e poi allestendo la sala parto dedicata, a partire dalla coordinatrice ostetrica del Dipartimento materno-infantile Angela Maccagnola».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni